«
»
Minerva Web
Bimestrale della Biblioteca 'Giovanni Spadolini'
A cura del Settore orientamento e informazioni bibliografiche
n. 59 (Nuova Serie), ottobre 2020

Biblioteche e archivi a Roma

La Biblioteca e l'Archivio storico della Fondazione Piero Calamandrei

Ringraziamo Ilaria Costantini, responsabile per la segreteria della Fondazione Piero Calamandrei.

**********

La Fondazione

La Fondazione Centro di iniziativa giuridica Piero Calamandrei è dedicata al nome e alla figura dell'insigne giurista, scrittore e uomo politico (Firenze 1889 - ivi 1956), noto per essere stato fra i fondatori del Partito d'Azione ma anche per la sua attività di intellettuale. Membro della Consulta nazionale e dell'Assemblea costituente prima, poi della Camera nella I legislatura repubblicana, socio dei Lincei già dal 1947, ideatore e direttore di riviste note come "il Ponte", professore di diritto processuale civile, Piero Calamandrei partecipò tra l'altro ai lavori per il nuovo codice di procedura civile nel 1942 e contribuì, come Costituente, all'elaborazione degli articoli sull'ordinamento giurisdizionale della Magistratura.

Creata nell'anno 1978, la Fondazione che porta il suo nome si prefigge - come stabilito nello Statuto - lo studio, l'approfondimento, la tutela e difesa dei diritti primari dei cittadini, garantiti nella Costituzione; in particolare svolge attività di ricerca e studio delle problematiche giuridiche legate ai diritti della persona e delle libertà fondamentali, ma anche ai diritti dell'informazione e dell'informatica. In questi ambiti la Fondazione ha pure contribuito all'elaborazione di progetti di legge in materia di rettifica, di servizio pubblico radiotelevisivo, di sondaggi di opinione, di responsabilità del magistrato.

Per il conseguimento dei propri obiettivi la Fondazione svolge ricerche (anche nel quadro delle attività del CNR), i cui risultati sono pubblicati e presentati alla comunità scientifica; organizza convegni e seminari (ad oggi, oltre cinquanta); cura pubblicazioni di volumi, per i tipi delle più rilevanti case editrici italiane (Giuffrè, Cedam, Jovene, Feltrinelli); dal 1985, pubblica la rivista bimestrale "Il diritto dell'informazione e dell'informatica" (ed. Giuffrè), che rappresenta uno dei principali strumenti di diffusione delle analisi e degli studi della Fondazione e mette a disposizione online gli indici dell'anno in corso, nonché un motore di ricerca negli indici, interrogabili per parola chiave ma anche per autore e/o per riferimenti normativi e giurisprudenziali.

Un altro degli strumenti di cui la Fondazione si è dotata per il conseguimento dei propri fini istituzionali consiste nel favorire la formazione di giovani studiosi, sia tramite la loro partecipazione diretta alla vita della Fondazione (ad esempio con il servizio civile), sia istituendo premi e borse di studio per laureandi e/o neolaureati in giurisprudenza o scienze politiche.

È inoltre attivo un sito web (www.fondazionecalamandrei.it), che documenta le iniziative della Fondazione, incluse quelle volte a stimolare l'intervento giurisprudenziale e legislativo su questioni nuove.

L'Archivio storico

Il patrimonio del Centro è costituito dalla documentazione dell'attività svolta sin dagli anni '70; il materiale conservato presso la sede della Fondazione testimonia la grande attenzione dedicata ai temi che ne hanno sempre contraddistinto la ricerca.

Nel quadro di un progetto di riorganizzazione dei documenti presenti in archivio, si è innanzitutto provveduto alla loro analisi e catalogazione per settore di attività, anche per renderne più immediata la consultazione. L'organizzazione attuale dell'Archivio Storico delle attività della Fondazione è dunque articolata in: "Convegni e Seminari" della Fondazione dagli anni '70 ad oggi; "Dossier, ricerche, anche propedeutiche alla stesura di atti o di proposte di legge", stilate tra gli anni '70 ed il 2005; "Borse di studio e premi assegnati dalla Fondazione" per promuovere la formazione di futuri ricercatori e operatori del mondo giuridico.

Alla documentazione prodotta dal Centro si è aggiunto dal 2008 un importante Fondo di carte e di manoscritti personali di Piero Calamandrei (1914-1956), depositato dalla nipote Silvia Calamandrei e contenente suoi scritti inediti, memorialistica, corrispondenza: documenti preziosi per ricostruirne la figura e l'opera, sia nella sua attività politica che in quella di giurista.

Per il loro interesse storico, di particolare importanza per la storia politica, economica, sociale e giuridica italiana, i fondi custoditi nell'Archivio hanno ottenuto la notifica di riconoscimento dalla Sovrintendenza archivistica per il Lazio ex D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42. Riordino e digitalizzazione dell'Archivio sono stati realizzati con il contributo della Regione Lazio.

L'Archivio partecipa inoltre all'iniziativa "Lazio'900", portale degli istituti di Roma e del Lazio impegnati nella valorizzazione del loro patrimonio documentario, che consente di esplorare e interrogare le strutture e le descrizioni archivistiche prodotte dai vari enti aderenti.

La Biblioteca

La Biblioteca della Fondazione Piero Calamandrei, specializzata in diritto dell'informazione e dell'informatica, è nata con la costituzione della Fondazione stessa, aprendosi progressivamente anche a ricercatori e studiosi esterni, per i quali risulta un prezioso strumento di ricerca.

Con i suoi circa 7.000 titoli, tra cui circa 3.500 italiani e stranieri, e la sua dotazione di una trentina di importanti testate (fra cui la raccolta del "Foro Italiano" dal 1901 ad oggi), costituisce un punto di riferimento per gli studi di giovani e di professionisti.

La Biblioteca fa parte del Polo SBN/IEI degli Istituti culturali romani e nel corso degli anni ha ricevuto contributi dalla Regione Lazio, ma anche da privati che donando fondi librari hanno inteso contribuire all'attività di documentazione della Fondazione.

L'orario di apertura al pubblico è ulteriormente ampliato dalla possibilità di chiedere l'apertura serale (dalle 18:30 alle 20:00) su appuntamento, rivolgendosi all'indirizzo segreteria@fondazionecalamandrei.it.

***********************

Indirizzo e recapiti:

Via Boezio, 14 - 00193 Roma

Segreteria della Fondazione

tel. +39 06 32111680 - fax: +39 06 32111692

email: segreteria@fondazionecalamandrei.it
pec:
segreteria@pec.fondazionecalamandrei.it

Presidente: prof. avv. Vincenzo Zeno-Zencovich

Archivio e biblioteca
Apertura: lun., mar., gio., ven: 10:00-15:00; mer: 15:00-19:00
Apertura serale dalle 18:30 alle 20:00 su appuntamento

Archivio Newsletter

FINE PAGINA

vai a inizio pagina