«
»
Minerva Web
Bimestrale della Biblioteca 'Giovanni Spadolini'
A cura del Settore orientamento e informazioni bibliografiche
n. 56 (Nuova Serie), aprile 2020

Recensione della Biblioteca

visDa questo numero la Newsletter si arricchisce di una nuova rubrica, dedicata alle recensioni della Biblioteca del Senato pubblicate su Internet.

La prima risale a circa un anno fa, ma avendola trovata casualmente in Rete solo qualche settimana fa ci è sembrato comunque interessante segnalarla in quanto riporta il parere di un utente che si è avvalso dei servizi offerti dalla Biblioteca.

Piccola recensione della Biblioteca del Senato (4 dicembre 2007)

di Francesco Minciotti

(http://www.silenzi.com/2007/12/04/piccola-recensione-della-biblioteca-del-senato/)

Oggi sono stato, sempre per la tesi di cui sopra (anzi, per come sono impaginati i blog, di cui sotto), alla Biblioteca del Senato. Come ricorderete, dolo la disarmante esperienza della biblioteca del Ministero delle comunicazioni, un po' di tremarella ce l'avevo anche se, in verità, molti giuristi in erba me ne avevano parlato bene.

In effetti, avevano ragione loro: la Biblioteca è grande ma non troppo, e soprattutto è d'un'eleganza eccelsa; il servizio è professionale ma non rigidamente formale; l'archivio è enorme e (giuridicamente) fornitissimo; gli orari solo assolutamente sufficienti per starci quanto uno vuole, poiché apre alle 9 e chiude alle 19,30. Certo, devi passare sotto il metal detector per entrare, e ogni volta che vuoi uscire, anche solo per una telefonata, devi svuotare l'armadietto e riprendere il documento che hai lasciato all'ingresso - un incentivo a studiare, mettiamola sul bicchiere mezzo pieno.

Insomma: promossa a pieni voti, soprattutto venendo da un'esperienza del tipo ricordato sopra.

Ah, hanno anche Internet (quasi) interamente fruibile, non Wi-Fi ma da postazioni loro, in numero sufficiente rapportato all'utenza (poche persone per ogni sala). «Quasi» perché alcuni siti (tipo il sitYno ed eBay) sono filtrati e quindi inaccessibili; ma, ad esempio, Hotmail, Live mail e GMail sono funzionanti, oltre a Macitynet, Punto Informatico, Corriere&Repubblica, Engadget (lo so, pare che abbia passato la giornata a navigare, ma non è così!). Ad ogni visitatore che ne faccia richiesta viene dato un login e una password, personale e giornaliera, valida per accedere alle postazioni fisse; l'unico lato negativo è che il sistema disconnette l'utente dopo appena sette minuti d'inattività. Un po' scomodo, ma si può ancora fare.

Archivio Newsletter

FINE PAGINA

vai a inizio pagina