«
»
Minerva Web
Bimestrale della Biblioteca 'Giovanni Spadolini'
A cura del Settore orientamento e informazioni bibliografiche
n. 56 (Nuova Serie), aprile 2020

La Biblioteca dell'Istituto Giapponese di Cultura

Si ringraziano le dottoresse Fiorella Guglielmi e Kazuko Yoshida responsabili della Biblioteca dell'Istituto Giapponese di Cultura, per l'invio delle informazioni e delle immagini che hanno consentito la stesura dell'articolo.

***********************************

Brevi cenni storici

L'Istituto Giapponese di Cultura sorge a Roma all'indomani della firma dell'Accordo culturale tra l'Italia e il Giappone, siglato nel luglio del 1954 e ratificato dal Parlamento italiano il 2 novembre del 1955 (legge n. 1175). Inaugurato ufficialmente nel dicembre del 1962, l'edificio che lo ospita - progettato dall'architetto Yoshida Isoya (1894-1975) - viene costruito in quell'area di Valle Giulia,posta di fronte alla Facoltà di Architettura e vicino alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna, in cui nel 1911 era stato edificato il padiglione del Giappone in occasione dell'Esposizione Internazionale delle Belle Arti organizzata a Roma per celebrare il cinquantenario dell'Unità d'Italia.

L'Istituto ospita la sede italiana della Japan Foundation. L'ente pubblico giapponese contribuisce alla gestione e garantisce il corretto funzionamento dell'Istituto di cui ne finanzia le principali attività, finalizzate alla diffusione e all'approfondimento della cultura giapponese nei suoi molteplici aspetti della lingua, dell'arte, della letteratura e della scienza, promuovendo e così intensificando le relazioni tra il Giappone e il paese ospitante, come testimonia la ricca programmazione annuale di eventi organizzati dall'Istituto.

La Biblioteca

A sostenere e partecipare attivamente a tale missione di rappresentazione e divulgazione della cultura giapponese in Italia è la Biblioteca dell'Istituto. Creata nel 1962 e dotata inizialmente di 500 volumi spediti direttamente dal Giappone, essa conta oggi un patrimonio librario che supera le 36.000 unità (la maggior parte in lingua giapponese), accanto alle quali è disponibile una vasta collezione di periodici (circa 380 titoli) e di supporti audiovisivi. Le sezioni principali riguardano la letteratura, l'arte e la storia, ma molte sono le nuove acquisizioni nel campo delle scienze sociali e della didattica della lingua giapponese. Peculiare è poi lo spazio dedicato ai manga (fumetti) giapponesi in lingua originale, di cui la biblioteca possiede attualmente 19 collane. Per la ricerca del materiale è disponibile il catalogo online: http://www.jfroma.it/biblioteca/catalogo-on-line/ .

La struttura della Biblioteca è principalmente a scaffale aperto. Parte dei periodici tuttavia è collocata in sotterranei non direttamente accessibili al pubblico: per la richiesta di tale materiale è necessario compilare un modulo e lasciare un documento in deposito. A disposizione degli utenti sono la connessione wifi, ampi tavoli per la consultazione e un salottino per la lettura e per la consultazione di materiale audiovisivo.

Servizi della Biblioteca

La biblioteca è dotata di un servizio di informazioni bibliografiche volto a coadiuvare il lavoro dei ricercatori e, in generale, degli studiosi. Essa costituisce tuttavia anche un importante punto informativo per le diverse attività svolte dall'Istituto di Cultura. Le domande sono varie e spaziano dalle informazioni per imparare la lingua ai corsi di ikebana o sulla cerimonia del tè, dalle domande sulle usanze nipponiche a semplici suggerimenti per la lettura. Il personale soddisfa una media di 800/900 richieste annuali.

È previsto un servizio di prestito (anche per corrispondenza) al quale possono accedere, previa iscrizione, tutti gli utenti che abbiano compiuto i 15 anni di età anche se non residenti. Per questi ultimi è prevista la possibilità di iscriversi alla Biblioteca e di accedere al prestito secondo determinate modalità (invio del modulo d'iscrizione debitamente compilato, della fotocopia di un documento valido e della ricevuta del vaglia di Euro 26). La richiesta del materiale può essere fatta per e-mail o per fax, e il periodo di prestito dura un mese. Le spese di spedizione sono a carico del destinatario.

È infine consentito fotocopiare, sempre nel rispetto dei limiti del copyright, il materiale custodito dalla biblioteca previa compilazione dell'apposito modulo.

La Biblioteca organizza infine visite guidate per le scolaresche e, in collaborazione con i docenti di lingua dell'Istituto, anche vari tipi di eventi come incontri di multilettura tadoku (extensive reading) o laboratori di lettura e scrittura in lingua.

***************************************

Indirizzo: Via Antonio Gramsci, 74 - 00197 Roma

Tel. 06.3224707

e-mail: biblioteca@jfroma.it

Per il calendario e gli orari di apertura vedi il sito: www.jfroma.it

Archivio Newsletter

FINE PAGINA

vai a inizio pagina