«
»
Il Presidente: Discorsi

Senato&Cultura - Viva l'Italia

Discorso pronunciato in Aula, in occasione dell'appuntamento di luglio 2020 con Senato&Cultura

11 Luglio 2020

Buongiorno a tutti, vorrei iniziare questo mio breve saluto ricordando il titolo che ho voluto dare a questo evento, l'esclamazione che ha caratterizzato più di ogni altra la vita di milioni di cittadini: VIVA L'ITALIA! Non è uno slogan, non è, e non vuole essere, retorica.
È il riconoscimento che il Senato vuole tributare al coraggio, alla determinazione, all'altruismo e alla generosità del popolo italiano, ma è stata un'iniezione di coraggio.
Un popolo in realtà mai abbastanza citato per le straordinarie eccellenze e capacità che ha saputo esprimere nel corso della storia e che oggi, come ha dimostrato il lungo periodo di lockdown, sono più vive che mai.

Viva l'Italia è il grazie che dobbiamo ai nostri eroi: ai camici bianchi, alle forze dell'ordine, ai volontari.
Viva l'Italia è quello che tutti insieme abbiamo detto quando il mondo dell'arte e della cultura è sceso in campo per dare sollievo e coraggio a chi era in casa, a chi era in ospedale, a chi passava le proprie giornate tra paura e timori per il futuro.

L'evento di oggi è quindi un tributo a tutti coloro che hanno voluto donare agli altri, dagli insegnanti nelle scuole, ai maestri di danza, ai cantanti, agli attori, ai creativi che hanno dedicato il loro talento per iniziative al servizio dell'intera comunità nazionale.
Oggi, grazie alla conduzione di Milly Carlucci e alla Rai che come sempre ringrazio, avremo la possibilità di ammirare, ascoltare e applaudire alcuni personaggi che simbolicamente rappresentano tutti loro.
D'altronde il legame tra l'arte e gli italiani ha sempre avuto un ruolo fondamentale e si è rafforzato e saldato nei momenti difficili, nelle sofferenze, nelle difficoltà, dando speranza e prospettive per il futuro.
È stato così con Giuseppe Verdi e gli eroi risorgimentali, così come con la leggenda del Piave nella prima Guerra Mondiale, così come con i canti patriottici e partigiani nella seconda Guerra Mondiale.
È per questo che l'evento Viva l'Italia oggi è un inno alla speranza e quindi alla rinascita del nostro Paese.

FINE PAGINA

vai a inizio pagina