«
»
14ª Commissione permanente (Politiche dell'Unione europea)

Commissione 14ª (Politiche dell'Unione europea) - Seduta n. 235

Mercoledì 19 Maggio 2021

(14,05 -
14,35)
    • Sede referente

      Legge europea 2019-2020

      Approvato dalla Camera dei Deputati
      Relatore:

      STEFÀNO

      Trattazione:

      Seguito dell'esame e rinvio

    • Esame di Progetti di Atti Legislativi dell'Unione europea

      Proposta di direttiva del Consiglio che modifica la direttiva 2006/112/CE per quanto riguarda le esenzioni applicabili alle importazioni e a talune cessioni e prestazioni in relazione a misure dell'Unione di interesse pubblico

      Relatore:

      CORBETTA

      Trattazione:

      Esame e rinvio

    • Sede consultiva

      Conversione in legge del decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, recante misure urgenti relative al Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e resilienza e altre misure urgenti per gli investimenti

      Parere alla 5a commissione
      Relatore:

      RICCIARDI

      Trattazione:

      Esame e rinvio

    • Sede consultiva

      Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'Europa sulle infrazioni relative ai beni culturali, fatta a Nicosia il 19 maggio 2017

      Parere alla 3a commissione
      Relatore:

      GINETTI

      Trattazione:

      Esame. Parere non ostativo

  • Comunicato

    Sull'esame del disegno di legge europea 2019-2020 (AS 2169), il Presidente ha comunicato che sono stati presentati 6 ordini del giorno e 108 emendamenti, e ha fissato il termine per la presentazione di subemendamenti in relazione agli otto emendamenti a firma del Relatore per le ore 18 di domani 20 maggio.

    Il senatore Corbetta ha introdotto l'esame della proposta di direttiva COM(2021) 181, in materia di esenzione dall'IVA.

    La senatrice Ricciardi ha introdotto l'esame del disegno di legge n. 2207, di conversione del decreto-legge relativo al Fondo complementare al PNRR.

    La senatrice Ginetti ha illustrato il disegno di legge n. 2065, di ratifica della Convenzione del Consiglio d'Europa sulle infrazioni relative ai beni culturali e ha presentato uno schema di parere non ostativo, che è stato approvato.

    Il Presidente ha quindi comunicato che la seduta di domani non avrà luogo.

    FINE PAGINA

    vai a inizio pagina