«
»
Minerva Web
Bimestrale della Biblioteca 'Giovanni Spadolini'
A cura del Settore orientamento e informazioni bibliografiche
n. 53 (Nuova Serie), ottobre 2019

La Biblioteca del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

sala letturaLa biblioteca ha origine da un primo nucleo di circa 9.000 volumi, comprendente opere storiche, giuridiche e letterarie provenienti dal Gabinetto Reale dei Re di Sardegna, sistemato su diretta iniziativa del Conte Camillo Benso di Cavour: la sua storia è legata all'evoluzione delle amministrazioni centrali del Regno Sabaudo prima e del Regno d'Italia poi. Dal Palazzo del governo di piazza Castello a Torino, segue lo spostamento nel palazzo della Signoria di Firenze, fino ad arrivare a Roma dove, ospitata in un primo tempo presso il palazzo della Consulta, transita a Palazzo Chigi, a via della Mercede e nei locali del Governatorato di Roma, in via dei Crociferi: è del 1958 il definitivo trasferimento a Palazzo della Farnesina, sede dell'attuale Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Dal 2010 la biblioteca, all'interno dell'Unità di Analisi, Programmazione e Documentazione Storico Diplomatica del Ministero, fa parte della componente Documentazione Storico Diplomatica (DSD), insieme all'archivio storico diplomatico (si veda a questo proposito l'articolo pubblicato su Minervaweb n. 25 N.S. del 2009).

La biblioteca è specializzata in diritto internazionale, storia moderna contemporanea con riferimento alla storia diplomatica, pubblicazioni che interessano i rapporti ed i problemi internazionali o che riguardano i paesi esteri sotto il profilo storico politico economico culturale e sociale (art. 1 del Regolamento interno della biblioteca).

Al fondo iniziale si sono aggiunti nel tempo importanti lasciti di opere storiche e politiche, collezioni di trattati e convenzioni di tutti i paesi del mondo, opere di geografia, di statistica e di diritto internazionale, unitamente alla ricchissima collezione di documenti diplomatici, fino a raggiungere i 200.000 volumi attuali, cui si sommano i 1.500 periodici

Oltre alle collezioni dei documenti diplomatici italiani e stranieri richiamati sopra, la biblioteca possiede i cosiddetti "libri di colore", raccolte di documenti diplomatici pubblicate tra la fine dell'Ottocento e la metà del Novecento per documentare la politica estera di un determinato paese (tra le altre: la raccolta dei Blue books inglesi dal 1815 al 1882, dei Livres jaunes francesi dal 1850 al 1939 e dei Libri verdi italiani dal 1858 al 1923).

Vi sono conservati alcuni importanti fondi librari, come il "Fondo Antico" che tra i circa 532 volumi include preziose edizioni del Cinquecento, Seicento e Settecento; il "Fondo Armao", donato alla Biblioteca dall'Ambasciatore Ermanno Armao (1887-1976), costituito da 252 volumi pubblicati tra il 1544 e il 1950 e caratterizzato dalla presenza di numerosi volumi dedicati alla storia di Venezia; il "Fondo Asiatico", donato dall'Ambasciatore Gerardo Zampaglione (1917-1996), consistente in circa 1.000 volumi, editi principalmente nel periodo compreso tra 1850 e il 1990, riguardanti soprattutto l'India, l'Indonesia, il Pakistan e il mondo arabo; il "Fondo Eritrea" proveniente dalla biblioteca italiana di Asmara che comprende giornali e quotidiani pubblicati sotto le varie amministrazioni succedutesi in Eritrea, oltre a numerose pubblicazioni ufficiali (1892-1941) del Governo coloniale dell'Eritrea.

L'emeroteca, che raccoglie e conserva riviste specialistiche di diverse epoche di carattere storico, politico, giuridico e diplomatico, sia in lingua italiana che in lingua straniera, comprende anche un cospicuo fondo di quotidiani italiani e stranieri.

È possibile accedere alla biblioteca, se maggiorenni, dietro presentazione di un documento d'identità. La biblioteca offre servizi di orientamento e informazioni bibliografiche (anche a distanza) e di fotocopiatura self-service; il servizio di prestito locale è riservato agli utenti residenti o domiciliati (anche temporaneamente) nella Regione Lazio.

*************

Indirizzi e recapiti:

Segreteria generale - Unità di analisi programmazione e documentazione storico diplomatica

Biblioteca del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Piazzale della Farnesina, 1 - 00135 Roma

Tel: 06 36913267

e-mail: biblioteca.mae@esteri.it

sito web: http://www.esteri.it/MAE/IT/Ministero/Servizi/Archivi_Biblioteca/Biblioteca.htm

Archivio Newsletter

FINE PAGINA

vai a inizio pagina