«
»
Archivio storico - Fondi

Collezione Giuseppe Leti

Le carte dei senatori e dei deputati del Regno furono raccolte da Giuseppe Leti (Fermo 1866 - Parigi 1939) che puntava a costituire un vero e proprio archivio del Parlamento italiano. Autore di saggi e opere storiche, tra cui "Carboneria e massoneria nel Risorgimento" (Genova 1925), "Roma e lo Stato pontificio dal 1849 al 1870 (Roma 1909), Giuseppe Leti fu esule in Francia negli anni del fascismo, dove svolse compiti di mediazione e di collegamento fra le iniziative politiche del gruppo degli emigrati italiani. Quando nell'aprile del 1927 si costituirà la Concentrazione antifascista, cui aderiranno il Partito socialista italiano, il Partito socialista unitario e la Confederazione generale del lavoro, Leti ne diventerà segretario.

La collezione si compone di oltre un migliaio di documenti, tra lettere, memorie, note autografe, rescritti, relazioni, fotografie originali, incisioni, stampe, ordinate alfabeticamente e in gran parte conservate ancora nelle vesti originali compilate dal Leti.

FINE PAGINA

vai a inizio pagina