Comunicati

Domani in Senato il Presidente Casellati apre il dibattito sui cambiamenti climatici e riceve Greta Thunberg

17 Aprile 2019

«Mi sono attivata fin dall'inizio della mia Presidenza per sensibilizzare il Parlamento sul fenomeno del dissesto idrogeologico in Italia. L'evento sui cambiamenti climatici è in linea con quest'impegno e con la scelta di fare del Senato un "Palazzo aperto" che guarda ai grandi cambiamenti sociali, politici e economici in atto nel mondo. Desta perciò interesse ciò che Greta Thunberg e tanti giovani nel mondo stanno facendo per riportare al centro del dibattito politico internazionale i temi ambientali».

Lo ha dichiarato il Presidente del Senato Elisabetta Casellati in merito al seminario "Clima: il tempo cambia. E' tempo di cambiare" incentrato sugli effetti dei cambiamenti climatici e sui possibili rimedi da adottare che domani, 18 aprile, si terrà nella Sala Koch di Palazzo Madama a partire dalle ore 11.

All'evento, i cui lavori saranno aperti dal Presidente Casellati, prenderanno parte come relatori - oltre a Greta Thunberg - il fondatore e portavoce dell'Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile Enrico Giovannini; il Presidente della European Association of Environmental and Resource Economists (EAERE) Carlo Carraro; il Presidente del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) Antonio Navarra; Daniela Ducato, imprenditrice e referente Edizero industria verde; Chiara Falduto e Federico Mascolo, co-fondatori di www.duegradi.eu, piattaforma online di informazioni sulla crisi climatica in atto.

Dopo l'intervento del Presidente Casellati, verrà proiettato un film realizzato dal Centro sperimentale di cinematografia in collaborazione con Rainews sulle manifestazioni che i giovani in tutto il mondo stanno inscenando per chiedere ai governi di intervenire sul disastro climatico.

Il seminario verrà trasmesso in diretta da webtv.senato.it e dal canale YouTube del Senato (www.youtube.com/SenatoRepubblica) sul quale sarà disponibile anche lo streaming in lingua inglese.

Fine pagina

Vai a: