SENATO DELLA REPUBBLICA

DELIBERAZIONE 25 febbraio 1999

Modificazioni al regolamento


Capo I
Modificazioni al regolamento

Art. 1.

1. All' articolo 5 , aggiunto, in fine, il seguente comma :

"
9-bis. I segretari che, eletti ai sensi dei commi 4, 5, 6 e 7 , entrino a far parte di un Gruppo parlamentare diverso da quello al quale appartenevano al momento dell'elezione, decadono dall'incarico.
"
.

Art. 2.

L' articolo 30 sostituito dal seguente:

"

Art. 30.
Numero legale per le sedute delle Commissioni - Verificazione

1. Per la validit delle sedute delle Commissioni in sede deliberante e redigente, di quelle nelle quali le Commissioni discutano e adottino deliberazioni su affari per i quali non debbano riferire all'Assemblea, nonch nei casi previsti dall' articolo 27 , richiesta la presenza della maggioranza dei componenti delle Commissioni stesse, accertata dal Presidente all'inizio della seduta. In tutti gli altri casi, tale accertamento non richiesto.
2. Si presume che la Commissione sia sempre in numero legale per deliberare. Tuttavia il Presidente, d'ufficio in occasione della prima votazione per alzata di mano successiva alla chiusura della discussione generale, o su richiesta di un Senatore, formulata prima dell'indizione di ogni altra votazione per alzata di mano, dispone la verifica.
3. Quando ha luogo la verifica del numero legale, per la validit delle deliberazioni assunte nelle sedi di cui al comma 1 richiesta la presenza della maggioranza dei componenti della Commissione. In ogni altra sede, sufficiente la presenza di un terzo dei componenti.
4. Prima della votazione di una proposta per la cui approvazione sia richiesto il voto favorevole di una maggioranza dei componenti della Commissione, il Presidente pu disporre l'accertamento del numero dei presenti.
5. Se si accerta la mancanza del numero legale, il Presidente sospende la seduta per venti minuti. Si applica, per il prosieguo, la disciplina prevista per l'Assemblea.
"
.

Art. 3.

1. All' articolo 53, il comma 3 sostituito dal seguente:

"
3. Il programma dei lavori viene predisposto ogni due mesi dal Presidente del Senato, prendendo gli opportuni contatti con il Presidente della Camera dei deputati, con i Presidenti delle Commissioni permanenti e speciali e con il Governo, ed sottoposto all'approvazione della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari, che si riunisce con la presenza dei Vice Presidenti del Senato e l'intervento del rappresentante del Governo. Il programma redatto tenendo conto delle priorit indicate dal Governo e delle proposte avanzate dai Gruppi parlamentari nonch da singoli Senatori, anche per quanto attiene alle funzioni di ispezione e di controllo, per le quali sono riservati tempi specifici ed adeguati. Ogni due mesi, almeno quattro sedute sono destinate esclusivamente all'esame di disegni di legge e di documenti presentati dai Gruppi parlamentari delle opposizioni e da questi fatti propri ai sensi dell' articolo 79, comma 1 . Si applicano le disposizioni dell' articolo 55, comma 5 .
"
.

Art. 4.

1. L' articolo 102-bis sostituito dal seguente:

"

Art. 102-bis.
Effetti del parere contrario della 5 Commissione permanente

1. Gli emendamenti che importino nuove o maggiori spese o diminuzione di entrate, per i quali la 5 Commissione permanente abbia espresso parere contrario motivando la sua opposizione con la mancanza della copertura finanziaria prescritta dall' articolo 81, ultimo comma, della Costituzione , non sono procedibili, a meno che quindici Senatori non ne chiedano la votazione. I richiedenti sono considerati presenti, agli effetti del numero legale, ancorch non partecipino alla votazione.
2. Sugli emendamenti di cui al comma 1 , nonch sugli articoli e sui disegni di legge ai quali si riferisce l'anzidetto parere contrario della 5 Commissione permanente, la deliberazione ha luogo mediante votazione nominale con scrutinio simultaneo.
"
.

Art. 5.

1. All' articolo 108, il comma 4 sostituito dal seguente:

"
4. Se il Senato non in numero legale, il Presidente rinvia la seduta ad altra ora dello stesso giorno con un intervallo di tempo non minore di venti minuti, ovvero, apprezzate le circostanze, la toglie. La seduta comunque tolta alla quarta mancanza consecutiva del numero legale. Quando la seduta tolta, il Senato, qualora nella stessa giornata o in quella successiva il calendario dei lavori non preveda altra seduta, si intende convocato senz'altro, con lo stesso ordine del giorno, per il prossimo giorno non festivo all'ora medesima del giorno prima, oppure anche per il giorno festivo quando il Senato abbia gi prima deliberato di tenere seduta in tale giorno.
"
.

Art. 6.

1. All' articolo 135-bis, dopo il comma 8 inserito il seguente:

"
8-bis. Le proposte di diniego dell'autorizzazione sono messe ai voti in una seduta antimeridiana. I Senatori possono votare per tutta la durata della seduta e per quella della seduta pomeridiana prevista per lo stesso giorno mediante votazione nominale con scrutinio simultaneo ovvero, successivamente, dichiarando il voto ai Segretari. Nell'intervallo tra le due sedute, i documenti di scrutinio sono custoditi sotto la vigilanza dei Segretari.
"
.

Art. 7.

1. L' articolo 151-bis sostituito dal seguente:

"

Art. 151-bis.
Interrogazioni a risposta immediata

1.Periodicamente, e comunque almeno una volta al mese, parte di una seduta destinata alla discussione di disegni di legge dedicata allo svolgimento di interrogazioni a risposta immediata relative alle materie specificatamente individuate dalla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari.
2. Nello svolgimento di tali interrogazioni, il Governo rappresentato dal Presidente o dal Vice Presidente del Consiglio dei Ministri ovvero dal Ministro competente per materia.
3. In Assemblea ha per primo la parola, ove lo chieda, il rappresentante del Governo, per non pi di dieci minuti.
4. Un Senatore per ciascun Gruppo parlamentare pu, per non pi di un minuto, formulare interrogazioni consistenti in una pura e semplice domanda al Governo senza alcun commento. Il Presidente alterna le domande di Senatori della maggioranza con quelle di Senatori delle opposizioni.
5. Il rappresentante del Governo risponde per non pi di tre minuti. L'interrogante pu replicare per non pi di tre minuti.
6. Quando interviene per la risposta il Presidente del Consiglio dei Ministri, o quando l'importanza degli argomenti lo richieda, il Presidente pu disporre la trasmissione televisiva diretta.
"
.

Capo II
Disposizioni finali

Art. 8.

1. Le modificazioni al Regolamento di cui agli articoli precedenti entrano in vigore il giorno successivo a quello della loro pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
2. Le modificazioni di cui all' articolo 1 non si applicano alle situazioni verificatesi precedentemente alla data di cui al comma 1 del presente articolo .
Approvato nella seduta pomeridiana del 24 febbraio 1999.



Versioni disponibili



Informazioni aggiuntive

FINE PAGINA

vai a inizio pagina