Versione in vigore dal 01/03/1971 ad oggi
(consulta l'indice)

Art. 67.
Censura - Esclusione dall'aula - Interdizione a partecipare ai lavori

1. Qualora un senatore, nonostante il richiamo inflittogli dal Presidente, persista nel suo comportamento, o, anche indipendentemente da precedenti richiami, trascorra ad oltraggi o vie di fatto o faccia appello alla violenza o compia comunque atti di particolare gravit, il Presidente pronuncia nei suoi confronti la censura e pu disporne l'esclusione dall'aula per il resto della seduta. Si applicano, per la censura e per l'esclusione dall'aula, le disposizioni dell' ultimo comma dell'articolo 66 .
2. Se il senatore non ottempera all'ordine di allontanarsi dall'aula, il Presidente sospende la seduta e d disposizioni ai questori per l'esecuzione dell'ordine impartito.
3. Nei casi previsti dal primo comma il Presidente pu, altres, proporre al Consiglio di presidenza - integrato ai sensi del comma 2 dell'articolo 12 - di deliberare, nei confronti del senatore al quale stata inflitta la censura, l'interdizione di partecipare ai lavori del Senato per un periodo non superiore a dieci giorni di seduta. Il senatore pu fornire ulteriori spiegazioni al consiglio stesso.
4. Per fatti di particolare gravit che si svolgano nel recinto del palazzo del Senato, ma fuori dell'aula, il Presidente pu ugualmente investire del caso il Consiglio di presidenza il quale, sentiti i senatori interessati, pu deliberare le sanzioni di cui ai commi precedenti.
5. Le deliberazioni adottate dal Consiglio di presidenza sono comunicate all'assemblea e in nessun caso possono essere oggetto di discussione.

Versioni disponibili



Informazioni aggiuntive

FINE PAGINA

vai a inizio pagina