ePub

Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-03108


Atto n. 3-03108

Pubblicato il 13 settembre 2016, nella seduta n. 676

STEFANO - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. -

Premesso che:

con la legge n. 107 del 2015 si è stabilito di procedere ad un piano di assunzioni straordinarie dei docenti nella scuola;

tale piano contemplava anche una procedura facoltativa, attraverso un'applicazione su istanze on line per la presentazione della domanda di partecipazione alle fasi B e C delle assunzioni; hanno potuto presentare domanda tutti i soggetti inclusi, a pieno titolo, nelle graduatorie dei concorsi ordinari del 2012 e nelle graduatorie ad esaurimento (GAE), che non fossero già assunti in ruolo nella scuola statale;

considerato che, a quanto risulta all'interrogante, molti docenti delle graduatorie ad esaurimento hanno deciso di non presentare la domanda di assunzione straordinaria, in ragione della variabile relativa alla mobilità e al trasferimento, anche a centinaia di chilometri di distanza, dalla provincia di residenza, consapevoli che chi non la presentava resta nelle GAE della sua provincia e continua a partecipare, al 50 per cento con il concorso, in base al testo unico, alle operazioni di assunzione dei prossimi anni;

ritenuto che l'approvazione dell'emendamento Puglisi, all'interno del decreto-legge n. 42 del 2016, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 2016 (Gazzetta Ufficiale n. 124 del 28 maggio 2016), ha di fatto modificato ex post il disposto della norma stessa, andando a prevedere una sorta di garanzia sulla destinazione di assegnazione del ruolo ai docenti neoassunti delle fasi B e C, che, all'entrata in vigore della legge n. 107 del 2015, nonché alla presentazione della domanda stessa di assunzione, non era prevista,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo intenda adottare iniziative volte a non mortificare le legittime aspettative che i docenti presenti nelle GAE nutrono e che sono, in molti casi, alla base della scelta di non partecipare al piano assunzionale straordinario, disponendo, quindi, garanzie nello scorrimento della graduatoria provinciale, previsto sia per il turnover che per gli incarichi a tempo determinato.