ePub

Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-02561


Atto n. 3-02561 (in Commissione)

Pubblicato il 9 febbraio 2016, nella seduta n. 574
Trasformato

DIRINDIN , CALEO , CONTE , GOTOR , MASTRANGELI , LAI , PEGORER , ROMANI Maurizio , CUCCA , DE PIN , BERTUZZI , GINETTI , FORNARO , SONEGO , SCAVONE , D'ADDA , MANASSERO , ANGIONI , STEFANO , GATTI , PANIZZA , SCALIA , SOLLO , ORRU' , FABBRI , DI GIACOMO , BORIOLI , RICCHIUTI - Al Ministro della salute. -

Premesso che:

il trattamento delle gravi psicosi con farmaci antipsicotici può determinare effetti collaterali come diabete, dislipidemie e obesità, patologie per le quali è richiesto un attento monitoraggio;

un effetto collaterale cardiovascolare importante è l'allungamento del tratto elettrocardiografico QT che può condurre ad aritmie ventricolari letali;

a tal fine la normativa fornisce espressamente (determinazione dell'Aifa del 28 febbraio 2007, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 13 marzo 2007) l'indicazione "Effettuare un ECG di base prima di iniziare il trattamento. Effettuare un monitoraggio dell'ECG nel corso della terapia, sulla base delle condizioni cliniche del paziente";

l'esperienza di molti operatori dei dipartimenti di salute mentale rivela che la maggior parte dei pazienti che necessitano di trattamento con antipsicotici ha chiesto e ottenuto l'esenzione del ticket per effettuare il previsto monitoraggio;

considerato che:

il codice di esenzione 44 per "psicosi" prevede peraltro la dispensazione gratuita di visite psichiatriche e di alcuni esami, ma gli esami fondamentali per il monitoraggio delle malattie metaboliche e l'elettrocardiogramma non sono comprese in questo elenco;

le crescenti difficoltà economiche che gravano sulla popolazione italiana stanno condizionando pesantemente l'accesso di molti pazienti ai trattamenti sanitari, anche in ragione dei costi dei ticket;

la revisione del sistema della compartecipazione al costo e la revisione dei livelli essenziali di assistenza, provvedimenti destinati verosimilmente a contenere la revisione delle disposizioni previste con riguardo al caso del monitoraggio delle gravi psicosi, continuano a tardare mentre le difficoltà dei pazienti si manifestano in maniera sempre più preoccupante;

tenuto conto che:

alcuni operatori del Dipartimento di salute mentale dell'azienda sanitaria locale 5 Spezzino a La Spezia hanno presentato in data 22 febbraio 2014 al Ministro in indirizzo una richiesta di considerare il disagio in capo a molti pazienti affetti da gravi psicosi che necessitano di un attento monitoraggio con elettrocardiogramma per il quale non è prevista l'esenzione del ticket;

a tale richiesta non è stata data, a quanto risulta, alcuna risposta;

il disagio dei pazienti con grave psicosi è confermato, con preoccupazione, da altri responsabili dei manuali diagnostici e statistici dei disturbi mentali del Servizio sanitario nazionale;

si chiede di sapere con quali strumenti il Ministro in indirizzo intenda procedere, in attesa dei provvedimenti quadro che dovrebbero intervenire sulla questione, per assicurare ai pazienti affetti da gravi psicosi l'accesso a tutte le prestazioni espressamente previste per il monitoraggio, prima e nel corso, della terapia con antipsicotici.