ePub

Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-01814


Atto n. 4-01814

Pubblicato il 6 marzo 2014, nella seduta n. 204

PETRAGLIA , DE PETRIS , DE CRISTOFARO , BAROZZINO , CERVELLINI , STEFANO , URAS - Ai Ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e dei beni e delle attività culturali e del turismo. -

Premesso che:

le alluvioni che hanno interessato la Toscana dall'autunno del 2013 fino a questi giorni hanno causato danni per centinaia di milioni di euro, provocando vittime umane oltre che ingenti danni alle attività commerciali, agricole e alle infrastrutture sia pubbliche che private;

tra le zone maggiormente colpite da alluvioni ed esondazioni risulta esserci Volterra (Pisa) e il territorio circostante: pesanti i danni alle mura medievali crollate per un tratto di una trentina di metri, che hanno fatto dire al sindaco della città «Da soli non potremmo mai sostenere le spese per riparare simili danni»; ingenti i danni nella zona circostante: le nuove frane si sono aggiunte alle 38 situazioni di criticità, già note, provocando temporanee chiusure e difficoltà di circolazione;

considerato che:

la Regione toscana, la Provincia di Pisa, il Comune di Volterra hanno stanziato significative risorse per far fronte agli interventi di somma urgenza;

la situazione peculiare della viabilità di accesso a Volterra, conseguenza della natura geomorfologica del territorio, è da tempo una priorità per la provincia di Pisa;

la gravità della situazione di Volterra imporrebbe la realizzazione di un piano straordinario che finanzi tutti gli interventi di messa in sicurezza del territorio, che veda la sinergia di tutti i soggetti istituzionali preposti;

in visita a Volterra a seguito di una delle numerose alluvioni, il precedente Ministro dei Beni culturali ha dichiarato che «Lo Stato ha il dovere di tutelare questo patrimonio, uno dei grandi tesori del Paese e dell'umanità»;

per i lavori di somma urgenza, quelli cioè finalizzati all'eliminazione di uno stato di pericolo per la pubblica incolumità a prescindere dalla disponibilità della copertura finanziaria, la legge consente di derogare alle normali procedure nel caso di eventi imprevedibili e imprevisti;

si è costituito il Comitato "Volterra per l'Unesco" che ha già ottenuto il consenso della regione Toscana, dell'Unicem Toscana e di altri enti istituzionali, con l'obiettivo di fare di Volterra "Patrimonio dell'umanità dell'Unesco", un riconoscimento importante per una città e un territorio che per storia, cultura, tradizioni, rappresenta un valore unico, anche oltre la regione Toscana,

si chiede di sapere:

quali finanziamenti intenda mettere in campo il Governo, per quanto di competenza, per la messa in sicurezza di Volterra e del suo territorio, non solo per fronteggiare l'emergenza, ma per finanziare un Piano straordinario per la salvaguardia preventiva di Volterra dal dissesto idrogeologico;

se non intenda sostenere la candidatura di Volterra a divenire "Patrimonio dell'umanità" dell'Unesco.