ePub

Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-04039


Atto n. 3-04039 (con carattere d'urgenza)

Pubblicato il 10 ottobre 2017, nella seduta n. 894

STEFANO - Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. -

Premesso che a quanto risulta all'interrogante:

con decreto direttoriale n. 16162 del 13 luglio 2017 è stata approvata una graduatoria parziale delle imprese di pesca ammesse all'aiuto pubblico, di cui al decreto ministeriale 6 agosto 2015, a valere sui fondi di cui al regolamento (UE) n. 508/2014 (FEAMP) - Misura 1.33;

il provvedimento evidenzia che, delle 2.089 istanze presentate e pervenute alla Direzione generale della pesca, l'istruttoria è stata completata soltanto per 1.269 domande, inserite in graduatoria provvisoria, mentre per 12 domande è stato emanato provvedimento definitivo di archiviazione;

le istanze inserite utilmente nella predetta graduatoria sono a tutt'oggi in fase di lenta liquidazione, mentre nulla si conosce sui tempi di completamento dell'iter istruttorio relativo alle domande non ancora istruite e quindi sulla definizione dell'iter procedimentale di liquidazione;

il decreto direttoriale n. 16162 del 2017 contiene, nei considerata, la espressa riserva di procedere attraverso un supplemento istruttorio alla verifica dell'effettiva presenza dei requisiti di ammissibilità richiesti ai fini del pagamento dell'aiuto pubblico;

il marcato ritardo relativo alla definizione del pur complesso procedimento di liquidazione dei relativi aiuti pubblici stanziati nel 2015 sta anch'esso contribuendo in modo ulteriore ad indebolire un settore già in forte difficoltà economica;

desta anche particolare attenzione e preoccupazione l'ulteriore dato che emerge dal decreto direttoriale prefato e relativo al fatto che alcune intere marinerie, come quella di Molfetta (Bari), non siano state inserite nella succitata graduatoria provvisoria,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti riportati e se non ritenga necessario assumere le iniziative più opportune volte a raggiungere la più sollecita conclusione del pagamento delle indennità spettanti.