ePub

Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n░ 3-03918


Atto n. 3-03918

Pubblicato il 27 luglio 2017, nella seduta n. 867

STEFANO - Ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti e dell'economia e delle finanze. -

Premesso che:

in ragione di numerose iniziative e proteste, Ferrovie del Sud Est (FSE), dopo ben 19 anni, nel 2016, aveva provveduto a ripristinare i collegamenti ferroviari della domenica tra Lecce e Otranto e tra Lecce e Gallipoli nel periodo estivo;

tale servizio rappresentava una risposta, seppur minima e comunque non esaustiva, ad un'esigenza di mobilitÓ che diventa altamente problematica durante la stagione turistica e nei giorni festivi;

con cadenza ormai quasi giornaliera i social network, e conseguentemente i quotidiani locali e nazionali, riferiscono di vere e proprie odissee vissute dai turisti che, una volta sbarcati all'aeroporto di Brindisi, si trovano costretti a viaggiare o stipati in carrozze vetuste, prive di aria condizionata, o addirittura, la domenica, a percorrere il tratto verso le localitÓ del basso Salento con mezzi su gomma senza alcuna comoditÓ e al limite dei livelli di sicurezza;

risulta doveroso stigmatizzare quella che all'interrogante appare come un'incapacitÓ di rispondere e far fronte adeguatamente alle esigenze, combinate alla progressiva crescita del turismo che da anni il Salento coltiva e guadagna dal momento che Ferrovie del Sud Est continua a fornire un servizio non solo inadeguato e largamente al di sotto degli standard ma, addirittura, in casi come quello denunciato, nei fatti inesistente,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza dei fatti esposti;

se il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti non ritenga opportuno attivare tutte le iniziative necessarie volte, finalmente, a garantire un diritto costituzionalmente garantito quale la libertÓ di spostamento in un'area del Mezzogiorno d'Italia, dove tale libertÓ rischia di rimanere un miraggio e, solo per alcuni, un privilegio;

se il Ministro dell'economia e delle finanze, proprietario di FSE, non ritenga necessario procedere ad un'azione di controllo pi¨ cogente sul servizio e sulle scelte operate dalla societÓ che sembrano consolidare le passate gestioni antieconomiche considerato che il periodo estivo rappresenta per FSE un punto solido e su cui far leva per trarre utili e profitto.