ePub

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-07527


Atto n. 4-07527

Pubblicato il 23 maggio 2012, nella seduta n. 728

PETERLINI , SERRA , LANNUTTI , SBARBATI , SPADONI URBANI , BIONDELLI , POLI BORTONE , PINZGER , THALER AUSSERHOFER - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. -

Premesso che:

in base alle norme dello statuto di autonomia, i servizi pubblici, ivi compresa Trenitalia, in Trentino-Alto Adige garantiscono un servizio bilingue sul territorio che, purtroppo, viene messo sempre più in dubbio dall'impiego del personale di Bolzano;

il personale addetto al trasporto ferroviario della Divisione passeggeri nazionale/internazionale di Trenitalia, relativo al presidio di Bolzano, sta vivendo un progressivo peggioramento delle condizioni di lavoro con grandi incertezze riguardo al proprio futuro lavorativo;

in particolare, il personale addetto a tale servizio, di macchina e di bordo, operante in Alto Adige, fino a poco tempo fa dedito ad un'attività lavorativa intensa, si è visto sottrarre un'importante parte di lavoro in quanto, in relazione, ad esempio, ai treni Euro-City, nonché ai treni d'agenzia "Auto-Zug", la gestione della Divisione passeggeri è stata affidata ad altre imprese ferroviarie;

tali imprese tendenzialmente non impiegano personale del territorio altoatesino;

a tale situazione ha fatto inoltre seguito la soppressione di numerose relazioni soprattutto verso il meridione che, oltre a rappresentare l'ennesimo caso di sottrazione di lavoro ai danni dei lavoratori del servizio, ha anche determinato rilevanti disagi per i cittadini del territorio che, come riportato recentemente dalla stampa locale, sono stati privati di un servizio importante per la collettività;

attualmente, quindi, al personale altoatesino vengono assegnati pochissimi servizi; tale situazione rende l'impianto di Bolzano improduttivo e a rischio chiusura, nonostante il personale ivi operante sia altamente professionalizzato ed abbia sempre svolto in maniera egregia il proprio lavoro;

peraltro, i treni appartenenti al servizio Frecciargento, sostenuti economicamente dalla Provincia di Bolzano, sono serviti da personale di altri impianti, quali ad esempio quello di Roma o Bologna, e non da personale locale, assolutamente in grado di operare nel servizio, in quanto, oltre ad essere bilingue, è anche già in possesso di specifica abilitazione (ETR 460 - ETR 480 - ETR 600);

il personale di bordo e di macchina è in possesso delle necessarie abilitazioni per operare anche in servizi della Divisione relativa al trasporto regionale; ben potrebbe quindi essere impiegato in tale divisione, sopperendo ad eventuali carenze,

si chiede di sapere:

quali siano le informazioni sui fatti in possesso dal Ministro in indirizzo;

quali le iniziative di competenza intenda adottare, e in quali tempi, per risolvere la grave situazione illustrata e, in particolare, per restituire dignità e certezze ai lavoratori altoatesini, di fatto estromessi dalla propria attività lavorativa.