ePub

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-07164


Atto n. 4-07164

Pubblicato il 27 marzo 2012
Seduta n. 699

SPADONI URBANI , RAMPONI , FIORONI , SBARBATI , PETERLINI - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. -

Premesso che:

la strada statale 675 umbro-laziale, nota anche come raccordo Civitavecchia-Viterbo-Orte-Terni, costituisce un segmento essenziale dell'itinerario internazionale Civitavecchia-Orte-Mestre, oggi importante collegamento con l'autostrada del mare prevista dalla legge obiettivo;

tale infrastruttura è indispensabile per tutti i collegamenti da e per l'Italia centrale sia per le persone che per le merci e quindi per l'economia di tutto il territorio;

una parte del tracciato non è stata ancora costruita;

risulta, invece, realizzato il tratto tra Cinelli, Viterbo e Terni e parzialmente i tratti dal porto di Civitavecchia alla strada statale 1 Aurelia e il tratto laziale della Terni-Rieti;

il completamento della strada statale 675 è stato inserito nel programma delle infrastrutture strategiche;

il Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) ha approvato nella riunione del 3 agosto 2011 la variante al progetto definitivo della direttrice stradale Civitavecchia-Orte-Terni-Rieti, nel tratto da Terni al confine regionale;

ciò avrebbe dovuto consentire la ripresa dei lavori per i quali i finanziamenti erano già disponibili;

l'avanzamento dei lavori rappresenta un importantissimo punto di svolta per le regioni Umbria e Lazio che da decenni rivendicano la necessità di avere infrastrutture più moderne e funzionali;

considerato che all'interrogante risulta che i lavori siano fermi nel tratto da Vetralla a Civitavecchia,

si chiede di sapere:

se siano noti i tempi ancora necessari per l'inizio dei lavori del completamento del tratto umbro indicati e già finanziato dal CIPE;

quali siano i motivi per cui i lavori di completamento del tratto della strada statale 675 umbro-laziale siano ancora fermi, in particolare nel tratto tra Vetralla e Civitavecchia;

se il Ministro in indirizzo ritenga che il completamento dell'intera tratta fino a Civitavecchia rientri nelle priorità del Governo anche per non vanificare gli investimenti fin qui effettuati;

se ritenga, ed entro quali termini, di portare il progetto all'attenzione del Cipe per il relativo finanziamento.