ePub

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n░ 3-02644


Atto n. 3-02644 (con carattere d'urgenza)

Pubblicato il 14 febbraio 2012, nella seduta n. 674
Svolto nella seduta n. 689 dell'Assemblea (08/03/2012)

SPADONI URBANI - Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro dello sviluppo economico. -

Premesso che:

l'azienda Thyssen Krupp ha confermato l'accordo con la societÓ finlandese OutoKumpu che dovrebbe portare alla nascita, entro la fine del 2012, di una societÓ leader mondiale nel settore dell'acciaio inox, con un giro d'affari di quasi 12 miliardi di euro e oltre 19.000 dipendenti;

la Thyssen Krupp manterrebbe, almeno per i prossimi 3 anni, una partecipazione azionaria di circa il 30 per cento e i rappresentanti di OutoKumpu sarebbero i maggiori azionisti della nuova societÓ;

tutta l'operazione, che dovrÓ anche essere sottoposta alle verifiche dell'AutoritÓ garante della concorrenza e del mercato, necessiterÓ di un piano industriale e di ingenti investimenti che dovrebbero configurare la valorizzazione del sito di Terni e pi¨ in generale della presenza nel settore dell'Italia;

a questo fine sarebbe opportuna la convocazione di un tavolo nazionale di confronto al quale dovrebbero partecipare le parti datoriali, i sindacati e le istituzioni;

premesso, inoltre, che:

presso la Presidenza del Consiglio dei ministri potrebbe essere riconvocato il tavolo giÓ riunitosi lo scorso 27 luglio 2011;

sarebbe certamente opportuna un'iniziativa congiunta con tutte le parti coinvolte in grado di vigilare costantemente sull'iter delle trattative e di valutare il piano industriale tenendo conto delle peculiaritÓ del sistema produttivo ternano,

l'interrogante chiede di sapere:

se il Presidente del Consiglio dei ministri e il Ministro in indirizzo siano a conoscenza delle condizioni inerenti all'accordo intercorso fra Thyssen Krupp e OutoKumpu, con particolare riferimento al futuro industriale del sito di Terni;

se ritengano di convocare con urgenza il tavolo di confronto istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri con Thyssen Krupp, le parti sociali e le istituzioni locali.