ePub

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-01866


Atto n. 3-01866 (in Commissione)

Pubblicato il 20 gennaio 2011
Seduta n. 491

SPADONI URBANI - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. -

Premesso che:

i Governi regionali interloquiscono, insieme al Governo nazionale, con i gestori del servizio ferroviario riguardo alla possibilità di ampliare la quantità degli investimenti e contrattando la soppressione o la creazione di tratte e fermate;

il decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, recante "Misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anticrisi il quadro strategico nazionale", all'articolo 25, comma 2, prevede che "Per assicurare i necessari servizi ferroviari di trasporto pubblico, al fine della stipula dei nuovi contratti di servizio dello Stato e delle Regioni a statuto ordinario con Trenitalia s.p.a., è autorizzata la spesa di 480 milioni di euro per ciascuno degli anni 2009, 2010 e 2011";

considerato che:

all'interrogante risulta che la Regione Umbria abbia ricevuto gli stanziamenti relativi all'anno 2009 e all'anno 2010;

tuttavia, la rete ferroviaria regionale e i treni non presentano alcun miglioramento; al contrario il servizio è tuttora scadente e le fermate dei treni Eurostar Roma-Ancona e Ancona-Roma, nelle stazioni di Spoleto e, in parte, Fossato di Vico, soppresse da Trenitalia, non sono state ripristinate;

detto mancato ripristino cagiona notevoli disagi ai numerosissimi viaggiatori, in gran parte pendolari, costretti a lunghissime attese di coincidenze quasi sempre non in orario, che, non di rado, sono sfociati in vere e proprie proteste,

l'interrogante chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di quanto sopra riportato;

se e in quale misura alla Regione Umbria siano stati assegnati gli stanziamenti previsti dal decreto-legge n. 185 del 2008 per l'anno 2009 e 2010;

se risultino i contratti - e per quali importi - in base ai quali detti stanziamenti sono stati impiegati;

se risultino i motivi in base ai quali detti stanziamenti non sono stati impiegati per ripristinare le fermate dei treni Eurostar sulla tratta Roma-Ancona nelle citate stazioni di Spoleto e Fossato di Vico precedentemente soppresse da Trenitalia così come accaduto per le fermate dei treni Eurostar sulla tratta Roma-Perugia;

se e in quale misura le altre Regioni a statuto ordinario abbiano ricevuto stanziamenti così come previsto dal citato decreto-legge e se risultino i modi nei quali detti stanziamenti sono stati impiegati;

se e in quali modi intenda intervenire nei confronti di quelle Regioni che, eventualmente, abbiano gestito detti stanziamenti senza assicurare alcun miglioramento ai servizi forniti ai cittadini.