ePub

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n° 1-00341


Atto n. 1-00341

Pubblicato il 9 novembre 2010
Seduta n. 454

BAIO , TOMASSINI , RIZZI , MASCITELLI , GUSTAVINO , THALER AUSSERHOFER , ASTORE , GARAVAGLIA Mariapia , BIANCONI , BIANCHI , FIRRARELLO , RUSCONI , D'AMBROSIO LETTIERI , CECCANTI , RAMPONI , PERTOLDI , DI STEFANO , BASSOLI , CARRARA , BARBOLINI , DI GIACOMO , BUTTI , SANNA , VICARI , MAGISTRELLI , SACCOMANNO , ROSSI Paolo , SANTINI , FERRANTE , DEL VECCHIO , DI GIOVAN PAOLO , DE SENA , SCANU , LUSI , CHIAROMONTE , PASSONI , PINOTTI , STRADIOTTO , BERTUZZI , CHIURAZZI , FONTANA , GIAI , BOSONE , PINZGER , ANTEZZA , ZANOLETTI , PAPANIA , MONGIELLO , FIORONI , MAZZUCONI , SPADONI URBANI

Il Senato,

premesso che:

in ambito scolastico non è garantita la dovuta e idonea assistenza sanitaria ai bambini e agli adolescenti affetti da malattie croniche, i quali rischiano di venire duplicemente lesi nei loro diritti fondamentali alla salute e all'istruzione;

le abitudini di vita di queste persone sono condizionate dalle loro malattie e, ancor più spesso, risulta condizionata la vita dei loro familiari, i quali si trovano costretti ad agire da soli per far fronte alle esigenze terapeutiche del minore;

la convenzione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo del 20 novembre 1989, a cui l'Italia ha dato esecuzione con legge 27 maggio 1991, n. 176, riconosce pienamente questi diritti del fanciullo, prevedendo espressamente all'art. 24 "il diritto alla salute e alla possibilità di beneficiare del servizio sanitario" e agli artt. 28 e 29 il diritto all'educazione e all'istruzione;

la Costituzione, del pari, all'art. 32, primo comma, riconosce il diritto alla salute come diritto fondamentale "dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti";

l'art. 34, primo comma, della Costituzione, sancisce che "La scuola è aperta a tutti", così da riconoscere e garantire non solo il libero accesso, ma anche che lo stesso avvenga in condizioni di parità con gli altri alunni, anche al fine di evitare che la frequenza sia resa eccessivamente gravosa, a causa di particolari situazioni in cui versano alcuni bambini affetti da malattie croniche, che necessitano di cure e assistenza sanitaria periodica e costante;

è doveroso garantire a tutti i bambini ed adolescenti, affetti da patologie croniche, l'assistenza socio-sanitaria di cui necessitano, durante l'intero arco temporale di permanenza a scuola, al fine di assicurare la giusta assistenza nel rispetto della dignità e del senso del pudore;

ulteriore requisito, a salvaguardia e sostegno di una reale e sostanziale parità di condizioni, è la promozione dell'informazione e della sensibilizzazione, in materia di malattie croniche, degli operatori scolastici e degli studenti;

le leggi ordinarie individuano gli interventi necessari atti a garantire, su tutto il territorio nazionale, il rispetto e l'attuazione dei diritti costituzionali all'istruzione e alla salute,

impegna il Governo:

a riconoscere il diritto di assistenza sanitaria in ambito scolastico;

ad adottare, sulla base di un'intesa con il Ministro dell'istruzione, università e ricerca e con il Ministro della salute, le misure imprescindibili per assicurare in ambito scolastico, a livello nazionale, la necessaria assistenza socio-sanitaria ai soggetti affetti da patologie croniche che richiedono cure continue e/o periodiche;

a promuovere l'informazione e la sensibilizzazione, verso le patologie croniche, di tutti gli operatori scolastici e di tutti gli alunni.