ePub

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n° 1-00115


Atto n. 1-00115

Pubblicato il 2 aprile 2009
Seduta n. 187

SPADONI URBANI , PICHETTO FRATIN , RIZZOTTI , GHIGO , CONTI , ORSI , TANCREDI , TOTARO

Il Senato,

premesso che:

l’attuale crisi economica ha tra le sue cause fondamentali il conflitto di interessi tra le società che hanno emesso i cosiddetti titoli “tossici” e le agenzie di rating che ne dovevano operare il controllo, ma che da quelle società erano scelte e retribuite, provocando così certificazioni volutamente errate da parte delle agenzie su quei medesimi titoli;

i titoli “tossici” sono stati accettati quali garanzie sui crediti bancari perché considerati affidabili e questo ha provocato sostanziali falsificazioni nei bilanci di diversi istituti di credito, visto l’attuale valore di quei titoli;

sarebbe opportuno, come ha raccomandato anche il Governatore della Banca d’Italia, rendere noti i titoli “tossici” posseduti dalle banche per isolarli e azzerarne gli effetti anche al fine di evitare che le sovvenzioni statali e dell’Unione europea vengano utilizzate per fini impropri,

impegna il Governo:

ad agire a livello nazionale ed in sede europea perché venga istituita la cosiddetta “bad bank” dove concentrare ed isolare i titoli tossici per far riprendere il flusso del credito interbancario verso imprese e cittadini;

ad eliminare il gigantesco conflitto di interessi tra le agenzie di rating e le società di emissione dei titoli, proponendo, anche in sede del prossimo G20, di affidare al Fondo monetario internazionale la certificazione di tutti i titoli trattati a livello internazionale;

a considerare l’ipotesi dell’istituzione di un Tribunale internazionale per i crimini economici.