Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub

Versione HTML base



Legislatura 17ª - 1ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 470 del 28/03/2017


     Il relatore COCIANCICH (PD) riferisce sul decreto-legge n. 8 del 2017, già approvato con modificazioni dalla Camera dei deputati.

Il provvedimento, composto da 22 articoli, reca nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017. In particolare, si apportano alcune modifiche al decreto-legge n. 189 del 2016, che ha disciplinato gli interventi urgenti destinati ai territori colpiti dal terremoto del mese di agosto 2016 e il cui ambito di applicazione è stato ampliato anche ai Comuni colpiti dalle scosse del 26 e del 30 ottobre 2016.

L'articolo 1 attribuisce al commissario straordinario il compito di promuovere un piano per dotare, in tempi brevi, i Comuni interessati dagli eventi sismici di studi di microzonazione sismica di livello III, sulla base di incarichi conferiti a esperti iscritti o che abbiano presentato domanda di iscrizione all'elenco speciale dei professionisti. Prevede, inoltre, l'affidamento degli incarichi di progettazione, per importi inferiori alle soglie di rilevanza europea, mediante procedure negoziate con almeno cinque professionisti iscritti nel citato elenco speciale e consente ai Comuni e alle Province interessate di predisporre e inviare i progetti degli interventi di ricostruzione pubblica al commissario straordinario.

L'articolo 2 stabilisce che le Regioni interessate dal terremoto e i relativi enti locali procedano all'affidamento delle opere di urbanizzazione connesse alle strutture di emergenza, utilizzando la procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando. A tal fine, è previsto il sorteggio, all'interno dell'Anagrafe antimafia degli esecutori o degli elenchi tenuti dalle prefetture-uffici territoriali del Governo, di almeno cinque operatori economici per procedere all'aggiudicazione delle opere con il criterio del prezzo più basso.

L'articolo 3 interviene in materia di concessione di finanziamenti agevolati per la ricostruzione privata, al fine di estendere anche al coniuge e alle persone legate da rapporti derivanti da unioni civili la fattispecie in cui non si applica la decadenza dai benefici in seguito ad alienazione degli immobili danneggiati.

L'articolo 4 modifica la disciplina per l'avvio di interventi di immediata riparazione di edifici che hanno riportato danni lievi, ampliando i termini concessi ai privati per la realizzazione degli interventi ammissibili a contribuzione ai sensi dell'articolo 8 del decreto-legge n. 189 del 2016.

L'articolo 5 reca disposizioni finalizzate ad assicurare la validità dell'anno scolastico 2016-2017, in deroga alle disposizioni vigenti sul numero di giorni di lezione necessari e sulla frequenza minima richiesta agli studenti. Inoltre, con riferimento agli immobili, prevede la predisposizione di piani diretti ad assicurare il ripristino delle condizioni necessarie per la ripresa delle attività scolastiche ed educative nell'anno scolastico 2017-2018.

L'articolo 6 interviene sulle funzioni della Conferenza permanente, anche al fine di prevedere che l'approvazione dei progetti esecutivi delle opere pubbliche e dei lavori relativi ai beni culturali riguardi solo gli interventi di competenza del commissario straordinario per la ricostruzione e dei Ministri dei beni e delle attività culturali e delle infrastrutture e dei trasporti. Per gli interventi privati e per quelli attuati dalle Regioni e dalle diocesi, sui quali è necessario esprimere pareri ambientali, paesaggistici, di tutela dei beni culturali o ricompresi in parchi nazionali o aree protette regionali, sono competenti le Conferenze regionali.

L'articolo 7 dispone in materia di gestione dei rifiuti e delle macerie, affidando i relativi compiti ai Presidenti delle Regioni, in luogo del commissario straordinario.

L'articolo 8 reca una serie di novelle al decreto-legge n. 189, volte a rafforzare le misure per la legalità introdotte con l'obbligo di iscrizione a una specifica Anagrafe delle imprese che intendono realizzare gli interventi di ricostruzione.

L'articolo 9 reca disposizioni in materia di contributo per le attività tecniche per la ricostruzione pubblica e privata, apportando novelle all'articolo 34 del decreto-legge n. 189 in materia di qualificazione dei professionisti.

Per migliorare le condizioni di vita, economiche e sociali della popolazione interessata dagli eventi sismici del 2016, l'articolo 10 autorizza, per l'anno in corso, la concessione, a fronte di requisiti di accesso modificati, della misura nazionale di contrasto alla povertà denominata SIA, mentre l'articolo 11 modifica la disciplina relativa alla sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti tributari, prorogando alcuni termini e attribuendo alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli agricoltori la possibilità di contrarre finanziamenti agevolati per il pagamento dei tributi fino all'anno 2018.

L'articolo 12 estende, per il 2017, l'operatività della convenzione tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro dell'economia e delle finanze e i Presidenti delle Regioni Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria del 23 gennaio 2017, relativamente alla misura di sostegno al reddito introdotta per il 2016 in favore di determinati soggetti che hanno dovuto interrompere la propria attività lavorativa a seguito degli eventi sismici.

L'articolo 13 prevede che i tecnici professionisti possano essere incaricati dello svolgimento delle verifiche di agibilità post-sismica degli edifici attraverso la compilazione della scheda AeDES. Lo stesso articolo disciplina i requisiti dei professionisti e il loro compenso.

L'articolo 14 consente alle Regioni interessate dagli eventi sismici di acquisire, al patrimonio dell'edilizia residenziale pubblica (ERP), unità immobiliari ad uso abitativo da utilizzare come soluzione alternativa a quelle attualmente previste per la sistemazione temporanea della popolazione residente in edifici distrutti o danneggiati dal terremoto. L'articolo disciplina altresì la ricognizione dei fabbisogni, la valutazione dell'opportunità economica degli acquisti e il trasferimento degli immobili, al termine della destinazione all'assistenza temporanea, al patrimonio di ERP dei Comuni.

L'articolo 15 reca disposizioni per il sostegno e lo sviluppo delle aziende agricole, agroalimentari e zootecniche.

L'articolo 16 differisce di ulteriori due anni, fissandolo al 13 settembre 2020, il termine di efficacia delle modifiche delle circoscrizioni giudiziarie de L'Aquila e Chieti, nonché delle relative sedi distaccate, mentre l'articolo 17 contiene disposizioni in tema di sospensione di termini processuali, con riguardo ai soggetti residenti o aventi sede in Comuni interessati dagli eventi sismici.

L'articolo 18 prevede il potenziamento del personale, già dipendente di Regioni, Province, Comuni e altre amministrazioni regionali o locali, utilizzato per le attività di ricostruzione nei territori interessati dal sisma.

I successivi due articoli introducono misure riguardanti la Protezione civile. Nello specifico, l'articolo 19 autorizza la Presidenza del Consiglio dei ministri a bandire un concorso pubblico per il reclutamento di dirigenti di seconda fascia e l'articolo 20 qualifica come impignorabili le somme depositate su conti correnti bancari attivati dal Dipartimento della protezione civile e destinate esclusivamente alla gestione e al superamento delle situazioni emergenziali conseguenti a eventi calamitosi per i quali sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

Gli articoli 21 e 22 recano disposizioni di coordinamento e finali.

Conclude, proponendo alla Commissione di esprimersi favorevolmente sulla sussistenza dei requisiti di cui all'articolo 77 della Costituzione.

 

Accertata la presenza del prescritto numero di senatori, la Commissione approva la proposta di parere favorevole, avanzata dal relatore, sulla sussistenza dei presupposti costituzionali.