Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub

Versione HTML base



Legislatura 17ª - 1ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 466 del 22/02/2017


La senatrice LO MORO (PD) ritiene che l'adozione del rito processuale camerale per le controversie in materia di riconoscimento della protezione internazionale non leda il diritto di difesa, in quanto l'articolo 24 della Costituzione non prevede necessariamente un doppio grado di giudizio. Inoltre, a suo avviso, l'istituzione di sezioni specializzate risponde all'esigenza di garantire una specifica competenza dei giudici in materia di immigrazione e quindi non appare in conflitto con il principio del giudice naturale precostituito per legge.

Il provvedimento, quindi, reca disposizioni necessarie e urgenti per contrastare la situazione di emergenza determinata dai flussi migratori, a fronte dell'inerzia dell'Unione europea. Le misure adottate, inoltre, appaiono omogenee perché volte, da un lato, a sveltire le procedure di riconoscimento del diritto d'asilo e, dall'altro, a rendere effettivi i rimpatri. Ulteriori approfondimenti nel merito potranno essere effettuati in sede referente.

Pertanto, a nome del Gruppo, dichiara il proprio voto favorevole.

 

Accertata la presenza del prescritto numero di senatori, la Commissione approva la proposta di parere favorevole, avanzata nella seduta del 21 febbraio dal relatore Maran, sulla sussistenza dei presupposti costituzionali.