Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub

Versione HTML base



Legislatura 17ª - 11ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 293 del 14/02/2017


     Il relatore ANGIONI (PD) illustra, per le parti di competenza, il provvedimento in esame, che contiene vari interventi per la coesione sociale e territoriale con riferimento a situazioni critiche in alcune aree del Mezzogiorno.

In particolare, l’articolo 1 modifica la disciplina della procedura di cessione dei complessi aziendali del gruppo ILVA, prevedendo che i commissari straordinari siano autorizzati a realizzare ulteriori interventi di decontaminazione e risanamento ambientale, anche mediante la formazione e l’impiego del personale delle società in amministrazione straordinaria. Il successivo articolo 1-bis, introdotto dalla Camera, autorizza una spesa di 24 milioni di euro per il 2017 allo scopo di integrare il trattamento economico dei dipendenti impiegati presso gli stabilimenti produttivi del gruppo ILVA per i quali sia avviato o prorogato, nel corso dello stesso anno, il ricorso alla cassa integrazione guadagni straordinaria.

Il relatore passa ad illustrare l’articolo 4, che reca disposizioni per contrastare la crisi in atto nel comparto del trasporto marittimo, in particolare nel settore della movimentazione dei container: a tal fine, a decorrere dal 1° gennaio 2017, viene istituita, in via temporanea, per un periodo massimo di 36 mesi, in alcuni porti, un’Agenzia per la somministrazione del lavoro in porto e per la riqualificazione professionale, avente lo scopo di sostenere l'occupazione, di accompagnare i processi di riconversione industriale delle infrastrutture portuali e di evitare grave pregiudizio all'operatività e all'efficienza portuali. Nell’Agenzia confluiscono i lavoratori in esubero delle imprese autorizzate alla movimentazione dei container. L'Agenzia inoltre svolge  attività di supporto alla collocazione professionale dei lavoratori iscritti nei propri elenchi e, in caso di nuove iniziative imprenditoriali e produttive che dovessero localizzarsi nel porto, le imprese autorizzate devono fare ricorso ai lavoratori dell'Agenzia per le assunzioni a tempo determinato e indeterminato, laddove vi sia coerenza tra i profili professionali richiesti e quelli offerti. Inoltre, al personale in esubero che confluisce nelle Agenzie in esame, per le giornate di mancato avviamento al lavoro, si applicano le disposizioni di cui alla legge del 28 giugno 2012, n. 92, che prevedono uno specifico strumento di sostegno al reddito in favore di alcune categorie di lavoratori del settore portuale.

Da ultimo, il relatore si sofferma sull’articolo 5, che incrementa di 50 milioni di euro per il 2017 lo stanziamento del Fondo per le non autosufficienze.