Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub

Versione HTML base



Legislatura 17ª - 14ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 223 del 26/10/2016


(2484) Deputato QUINTARELLI ed altri.  -  Disposizioni in materia di fornitura dei servizi della rete internet per la tutela della concorrenza e della libertà di accesso degli utenti, approvato dalla Camera dei deputati

(Parere alla 8a Commissione. Esame. Parere favorevole con osservazioni) 

 

     Il relatore ORELLANA (Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE) da conto del disegno di legge in titolo, rilevando che esso è diretto a stabilire una disciplina relativa alla fornitura dei servizi della rete internet, con la finalità di tutelare la libertà di concorrenza e la libertà di accesso da parte degli utenti ed illustrando un relativo parere favorevole, con osservazioni, dove si esprime, in primo luogo, apprezzamento per una normativa la cui finalità è quella della tutela della libera concorrenza e dei diritti dei consumatori, attraverso la disgiunzione delle offerte commerciali di accesso alla rete internet, da considerazioni di ordine commerciale inerenti la fruizione dei contenuti della società dell’informazione. Si ritiene, infatti del tutto opportuno, e in linea con la normativa europea, assicurare il rispetto del principio della neutralità della rete anche nell’utilizzo dei terminali internet diversi dai personal computer, ovvero degli smartphone e dei tablet, attraverso il divieto, per gli operatori di rete, di limitare l’accesso di base alla rete per motivi commerciali e attraverso una disciplina dei "servizi a valore aggiunto", offerti dagli operatori di rete, che preveda un’adesione espressa da parte dell’utente e il cui prezzo debba dipendere dai costi di rete e non da considerazioni di ordine commerciale relative al tipo di servizio o applicazione in questione.

In riferimento alle regole di trasparenza di cui all’articolo 5, il relatore suggerisce di valutare l’opportunità di sostituire l’obbligo dell’indicazione delle misure temporanee di limitazione dell’accesso alla rete, di cui all’articolo 3, comma 1, con l’obbligo di indicazione delle offerte dei "servizi a valore aggiunto" di cui ai commi 2 e 3 del medesimo articolo 3. Si ritiene, infatti, più inerente alla necessità di trasparenza sui prezzi, l’offerta di tali "servizi a valore aggiunto", i quali oggi rappresentano spesso motivo di contenzioso per violazione dei principi di tutela dei consumatori.

Invita, infine, la Commissione di merito a individuare le disposizioni che maggiormente rappresentano un’inutile ripetizione delle corrispondenti parti del regolamento (UE) 2015/2120 e provvedere alla loro eventuale espunzione o sostituzione con gli opportuni richiami al citato regolamento.

 

Il PRESIDENTE si congratula con il relatore per l'illustrazione svolta e apre la discussione generale.

 

Il senatore MOLINARI (Misto-Idv) ritiene che, con il disegno di legge in titolo, sia, ancora una volta, persa l'occasione per regolamentare in maniera razionale le molteplici sfaccettature dell'universo internet, il quale dovrebbe rappresentare non un mercato qualsiasi, ma un nuovo spazio di libertà per i cittadini del mondo globalizzato.

In effetti, anche nella bozza di parere predisposta dal relatore occorrerebbe richiamare i valori imprescindibili riguardanti l'accesso ad internet e la connessa libertà di espressione da parte degli utenti.

 

Replica, in proposito, il relatore, il quale tiene a specificare di essersi attenuto al focus limitato del provvedimento, come proveniente dall'altro ramo del Parlamento, che tocca, essenzialmente, i temi della libera concorrenza e della neutralità della rete.

 

Non rilevando ulteriori richieste di intervento, il PRESIDENTE, quindi, appurata la presenza del numero legale, mette in votazione il suddetto schema di parere.

 

La Commissione approva.