Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub

Versione HTML base



Legislatura 16ª - 2ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 342 del 02/10/2012


Il senatore LONGO(PdL), intervenendo sul disegno di legge n. 3491, invita in primo luogo a valutare l'opportunità di procedere alla abrogazione dell'articolo 12 della legge n. 47 del 1948, in ragione delle difficoltà di carattere sistematico condivise dalla più autorevole dottrina di conciliare il rimedio riparatorio ivi contemplato con le generali forme risarcitorie  previste dal codice penale. Relativamente alle modifiche apportate all'articolo 13 della legge sulla stampa da ultimo citata sottolinea l'esigenza di elevare a 6.000 euro la pena minima della multa prevista per i casi di diffamazione a mezzo stampa, in ragione delle difficoltà di quantificazione della pena da comminarsi ai direttori o vicedirettori ai sensi dell'ultimo comma dell'articolo 57 del codice penale.

Condivide le considerazioni formulate dalla relatrice Della Monica con riguardo alla soppressione del riferimento all'elemento soggettivo della colpa per i casi di omesso controllo contemplati dall'articolo 57 del codice penale. Ciò anche al fine di evitare possibili dubbi di costituzionalità.

In merito al reato di ingiuria ritiene necessario reintrodurre la circostanza aggravante speciale consistente nella attribuzione di un fatto determinato, anche per un chiaro parallelismo con il reato di diffamazione.

Si sofferma infine sulle modifiche al reato di diffamazione, rilevando l'esigenza di suddividere in un distinti comma i periodi dei quali consta il secondo comma dell'articolo 595 del codice penale come riscritto dalla lettera c) comma 1, dell'articolo 2 del disegno di legge n. 3491.