ePub

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-02405


Atto n. 3-02405 (con carattere d'urgenza)

Pubblicato il 27 settembre 2011, nella seduta n. 610

BAIO , BRUNO , MOLINARI , RUSSO , MILANA , GERMONTANI - Ai Ministri dell'interno e dell'economia e delle finanze. -

Premesso che:

la Società Brixia Sviluppo SpA è una società a capitale interamente pubblico, avente come unico socio il Comune di Brescia;

ai sensi dell'articolo 2 del relativo statuto, la predetta società svolge, tra l'altro, attività di "acquisizione di opere, immobili e infrastrutture di interesse pubblico" e di "acquisto, realizzazione e gestione di immobili, attrezzature e tecnologie da destinarsi anche ad attività ricreative, turistiche di benessere alla città, alla persona, culturali";

in data 30 novembre 2009 la Società Brixia Sviluppo SpA acquistava l'immobile, cosiddetto ex Oviesse, sito nel Comune di Brescia, in corso Mameli n. 23, angolo corsetto S. Agata, per un importo complessivo di euro 8.770.000, pari a circa 2.400 euro al metro quadrato;

tale operazione immobiliare è stata oggetto di un dibattito politico e sociale ed ha portato anche alla denuncia di un cittadino per diffamazione da parte della società sopra citata;

nella sentenza di proscioglimento conclusiva di tale procedimento giurisdizionale si legge che le affermazioni dell'imputato appaiono documentate (si veda la documentazione depositata dall'imputato in sede di udienza camerale fissata dal giudice per le indagini preliminari a seguito di opposizione all'archiviazione) con elementi che lasciano legittimamente ritenere che il prezzo d'acquisto sborsato per l'immobile non possa definirsi, in modo così pacifico, pagato secondo valori di mercato;

considerato che:

secondo l'Osservatorio immobiliare dell'Agenzia del territorio di Brescia, l'immobile in questione è situato nella zona B4 (centrale), ma, in base al corrispettivo del contratto, sembra che siano stati utilizzati i più alti valori della zona B1 (centro storico) di maggior pregio rispetto a quella in cui si colloca il bene acquistato;

al momento della vendita l'immobile era in stato di abbandono, quindi da ristrutturare, e secondo il listino edito da Borsa immobiliare di Brescia presso la Camera di commercio, industria e artigianato di Brescia avrebbe dovuto avere un valore oscillante da un minimo di 750 euro al metro quadrato ad un massimo di 1.000 euro al metro quadrato;

la vicenda segnalata, a notizia degli interroganti, è oggetto di un esposto alla Procura regionale della Lombardia presso la Corte dei conti;

come risulta da diversi organi di stampa, la Procura della Repubblica di Brescia ha aperto un fascicolo di indagine in merito al prezzo di acquisizione dell'immobile ex-Oviesse di corso Mameli;

la società Brixia Sviluppo SpA, pur essendo un ente formalmente privatistico, in quanto società per azioni, vede la partecipazione totalitaria del Comune e, quindi, dovrebbe essere istituzionalmente preordinata al perseguimento di un pubblico interesse, dovrebbe rispondere ai principi di efficacia, economicità, efficienza, imparzialità, buon andamento di cui al combinato disposto dell'articolo 97 della Costituzione e dell'articolo 1 della legge n. 241 del 1990 e dovrebbe essere sottoposta al controllo del Comune di Brescia, a misure di contenimento della spesa pubblica, a regole di trasparenza, a vincoli sull'organizzazione, come confermato dalla giurisprudenza prevalente che assoggetta alla giurisdizione della Corte dei conti l'azione di responsabilità nei confronti dell'amministratore di una società a partecipazione pubblica,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza del fatto segnalato e della pendenza di procedimenti presso la Corte dei conti e presso la Procura della Repubblica per i fatti citati in premessa;

quali atti di rispettiva competenza intendano adottare per garantire che l'attività di vigilanza dell'ufficio territoriale del Governo abbia ad oggetto anche la vicenda segnalata, trattandosi di un'attività amministrativa che, secondo la sentenza, risulterebbe lesiva in termini di bilancio della società Brixia Sviluppo SpA e rischierebbe oltretutto di incidere sul rispetto delle regole relative al patto di stabilità interno del Comune di Brescia;

quali atti di rispettiva competenza intendano adottare al fine di verificare la legittimità e la congruità del contratto di acquisto da parte della Società Brixia Sviluppo SpA dell'immobile in oggetto e di conseguenza quali opportune azioni e/o sanzioni intendano adottare a tutela dell'interesse generale in materia di impiego di risorse pubbliche.