Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub Versione PDF (1124 KB)

Versione HTML base



Legislatura 17¬ - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 746 del 24/01/2017


COMPAGNA (CoR). Domando di parlare per dichiarazione di voto.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

COMPAGNA (CoR). Signor Presidente, onorevole Ministro, la volta scorsa era intervenuto, nel merito delle mozioni presentate, il collega Casini. Oggi la mia dichiarazione di voto è rafforzata nella convinzione che mi aveva portato a firmare, al principio della scorsa settimana, la mozione che ha come primo firmatario il presidente Casini.

Le considerazioni che ha svolto adesso il Ministro degli esteri dimostrano quanto scivolosa sia diventata, di settimana in settimana la situazione venezuelana: quella del ministro Alfano è stata proprio una cronaca drammatica di questo dérapage.

La crisi riguarda il rapporto tra l'opposizione e il Governo, ma è anche qualcosa di più: è una crisi sulla legittimità dello strumento parlamentare. Da questo punto di vista credo che nulla sia più adeguato alla situazione che una mozione di indirizzo che parta dal Parlamento. In questo senso, credo abbia fatto bene il Governo a richiamare i precedenti di diplomazia parlamentare che si legano alla nostra preoccupazione sul dérapage della situazione venezuelana.

Pertanto, nel momento in cui esprimo il voto favorevole del nostro Gruppo sulla mozione che ha come primo firmatario il presidente Casini, desidero - come Gruppo di opposizione, appunto - esprimere consenso all'attività con la quale il Governo ha cercato di rafforzare la nostra squadra diplomatica presente sul posto. Come è stato sempre nelle sue pagine migliori, la diplomazia parlamentare non è uno strumento alternativo alla diplomazia dei Governi: è uno strumento distinto, ma, mai come in questo caso, in una crisi di legittimità costituzionale, il più giusto e il più corretto. Di qui il nostro voto favorevole alla mozione presentata dal presidente Casini. (Applausi dal Gruppo CoR).