Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub Versione PDF (1124 KB)

Versione HTML base



Legislatura 17¬ - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 746 del 24/01/2017


CANDIANI (LN-Aut). Domando di parlare.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

CANDIANI (LN-Aut). Signora Presidente, abbiamo forse capito quello che lei non ha capito, e cioè che domani discutiamo di protezione civile. Ma io mi domando, e le chiedo: come si può consentire che un provvedimento di tale importanza, con tutto quello di cui abbiamo discusso, vada in Aula praticamente senza relatore, non essendo stato neanche concluso il suo esame in Commissione e fissando il termine per la presentazione degli emendamenti alle ore 12?

Ma stiamo scherzando? Ma vogliamo dire che questa è una legge delega sulla protezione civile?

PRESIDENTE. Senatore Candiani, l'Assemblea ha votato a tal riguardo. Capisco che lei abbia illustrato le ragioni di un'altra posizione.

CANDIANI (LN-Aut). Signora Presidente, ha fissato lei un minuto fa il termine delle ore 12! Ma si rende conto cosa significa dire agli italiani che prendiamo in mano una legge che tratta di protezione civile....

PRESIDENTE. Ma se l'Assemblea ha votato di discutere il provvedimento in questi tempi non si può che fissare questo termine.

CANDIANI (LN-Aut). Signora Presidente, allora faccia come crede!

Il termine per la presentazione degli emendamenti va posticipato. Non può essere fissato alle ore 12 di domani. Già non è serio arrivare in Aula senza aver completato l'esame in Commissione, ma noi arriviamo in Aula senza relatore e solo con qualche ora per preparare gli emendamenti.

Dopo di che cosa diciamo agli italiani? Gli diciamo che abbiamo messo nelle mani del Governo uno strumento per fare una nuova riforma della protezione civile?

Ma non prendiamo in giro la gente! Anzi, non prendetela in giro! Siate seri! (Applausi dal Gruppo LN-Aut).