Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub Versione PDF (1124 KB)

Versione HTML base



Legislatura 17¬ - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 746 del 24/01/2017


VACCARI, relatore. Signor Presidente, onorevoli senatori, la Commissione parlamentare antimafia, fin dall'avvio dei propri lavori in questa legislatura, ha posto al centro delle proprie inchieste il tema dell'infiltrazione mafiosa nel settore dei giochi e delle scommesse.

Ad uno dei quattordici comitati, da me presieduto, la Commissione antimafia ha affidato il compito specifico di analizzare le infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito e illecito e di svolgere un'attività istruttoria anche ai fini della formulazione di adeguate proposte normative, che si inseriscano utilmente nell'iter legislativo in corso in materia nelle competenti Commissioni parlamentari.

Il settore del gioco e delle scommesse ha, come pochi altri, un carattere di spiccata multidisciplinarità. Esso coinvolge delicate questioni riguardanti la fiscalità, gli aspetti sociali (penso a tutte le questioni connesse al gioco di azzardo patologico), i rapporti tra Stato ed autonomie, la normativa antiriciclaggio e, non da ultimo, le interferenze e le relazioni con il mondo della criminalità organizzata anche di tipo mafioso.

Si tratta, invero, di un ambito che richiede da parte del legislatore un approccio di carattere olistico, in grado, cioè, di considerare nell'insieme tutti questi aspetti del gioco, legale e illegale, proprio perché tra loro strettamente interdipendenti e interconnessi. (Brusio).

Signor Presidente, chiedo scusa ma non riesco davvero a leggere la relazione.