Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub Versione PDF (1124 KB)

Versione HTML base



Legislatura 17¬ - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 746 del 24/01/2017


BERGER - Al Ministro dello sviluppo economico - Premesso che:

il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001, n. 430, regolamenta la revisione organica della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio, nonché delle manifestazioni di sorte locali ai sensi dell'art. 19, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449;

la normativa stabilisce che di deve inviare una comunicazione in forma digitale al Ministero dello sviluppo economico almeno 15 giorni prima dell'inizio del concorso con tanto di modulo apposito, firma digitale, regolamento della manifestazione, attestazione della cauzione versata (la cauzione deve essere nella misura del 100 per cento del valore dei premi messi in palio, Iva esclusa). L'individuazione del vincitore deve svolgersi sotto la vigilanza di un notaio o del responsabile della tutela del consumatore o un suo delegato, territorialmente competente presso la Camera di commercio;

considerato che:

tale procedura e i costi correlati appaiono coerenti per concorsi, in cui sono in palio premi di valore (per esempio un'autovettura) e dove la partecipazione ha dei costi, ma la stessa procedura deve essere applicata anche a concorsi di piccola e piccolissima entità solamente perché risulta ancora mancante la definizione del "minimo valore" necessaria per avvalersi della deroga prevista dalla lettera d) del comma 1 dell'articolo 6;

infatti, l'articolo 6 elenca una serie di manifestazioni che non sono considerate come concorsi o operazioni a premio, e in particolare alla lettera d) prevede l'esclusione per "le manifestazioni nelle quali i premi sono costituiti da oggetti di minimo valore, sempreché la corresponsione di essi non dipenda in alcun modo dalla natura o dall'entità delle vendite alle quali le offerte stesse sono collegate";

tuttavia la necessaria quantificazione del "minimo valore" ancora non è stata definita da parte del Ministero ed è causa di impedimento per le aziende che sarebbero interessate di avvalersi della possibilità di regalare piccoli premi e piccole beneficenze senza troppi oneri burocratici,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga urgente adottare gli atti e i provvedimenti necessari per definire il "minimo valore" di cui alla lettera d) del comma 1 del decreto del Presidente della Repubblica n. 430 del 2001.

(4-06867)