Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub Versione PDF (746 KB)

Versione HTML base



Legislatura 17¬ - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 135 del 06/11/2013


MALAN, senatore Questore. Naturalmente, signor Presidente. Il parere sugli ordini del giorno G14, G15 e G16 è favorevole, mentre è contrario sull'ordine del giorno G17.

Il parere è ugualmente contrario sull'ordine del giorno G18: anche in questo caso, come per l'ordine del giorno G17, si tratterebbe di dimezzare un capitolo che già stato in gran parte speso, trovandoci ormai a novembre.

Sull'ordine del giorno G19 bisogna fare una considerazione importante. Esso impegna il Senato a ridurre la spesa per contributi e sussidi, pari a 1.744.000 euro. Ma questa voce è già stata ridotta. La cifra di 1.744.000 euro era corretta perché era contenuta nell'esercizio provvisorio approvato nel mese di marzo di quest'anno dai nostri predecessori. Nell'ultimo Collegio dei Questori e nel Consiglio di Presidenza, però, abbiamo approvato questa voce con una riduzione di 420.000 euro. Pertanto la riduzione c'è già stata, e oggi la voce è di 1.324.000 euro: cosa non da poco, perché si tratta di una riduzione di più del 25 per cento. Pertanto il parere è contrario, perché si è già provveduto. Anzi, inviterei i presentatori a ritirare tale ordine del giorno perché la cifra non è più quella indicata. Ripeto: è un errore comprensibile perché c'era un esercizio provvisorio che riportava tale cifra.

L'ordine del giorno G20 si riferisce ai costi dei viaggi in aereo per i senatori che devono recarsi a Roma. Noi saremmo favorevoli ad accogliere l'ordine del giorno come raccomandazione perché già oggi, naturalmente, i senatori possono usufruire di voli low cost» (a condizione che ve ne siano nella città di provenienza), sottolineando che il vero costo dei biglietti aerei è dovuto quasi sempre al fatto che molto di frequente ci ritroviamo a dover prenotare i voli all'ultimo momento.

Allora, sia che si tratti di compagnie di bandiera, sia che si tratti di compagnie low cost, più tardi si prenota più si paga. Se riuscissimo in futuro ad avere una programmazione dei lavori come quella di altri Parlamenti, che già conoscono gli orari dei loro impegni con qualche settimana se non addirittura con mesi di anticipo, questo si potrà fare. È però una questione di portata politica assai più ampia, e pertanto non possiamo affrontarla qui.

Il parere è favorevole sull'ordine del giorno G21, per quanto riguarda la dematerializzazione documentale, a condizione di eliminare dal dispositivo la parola «esclusivamente», sottolineando che deve diventare possibile presentare atti solo per via informatica, ma non deve trattarsi di un obbligo. Pertanto, chi vorrà utilizzare altri strumenti potrà ancora farlo.

Signor Presidente, chiedo scusa per l'ampiezza dell'intervento. (Applausi dal Gruppo PdL e del senatore Casini).

PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il relatore, senatore Azzollini, che invito anche ad esprimere il parere sugli ordini del giorno in esame.