Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub Versione PDF (746 KB)

Versione HTML base



Legislatura 17¬ - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 135 del 06/11/2013


D'AMBROSIO LETTIERI (PdL). Signor Presidente, è il primo rendiconto delle entrate e spese del Senato di questa legislatura, eppure trovo un filo rosso ben evidente che lo collega almeno agli ultimi tre precedenti, che vanno nella direzione di restituire in modo concreto non solo la necessaria trasparenza, ma anche la sobrietà nell'amministrazione delle risorse del Senato. Molti sono gli interventi per tagliare spese inutili. La razionalizzazione ha fatto sostanziali passi in avanti: credo che ci sia da esprimere una valutazione estremamente positiva e di plauso al lavoro svolto dai Questori.

Io mi limito a fare due sollecitazioni che partono da un presupposto. Noi dobbiamo anche in questo caso fare una politica seria e responsabile di taglio di sperperi e sprechi, avendo cura però di non tagliare quelle prestazioni e quelle condizioni di lavoro che rappresentano un presupposto importante per il corretto svolgimento dell'attività parlamentare.

Mi riferisco a due punti in particolare. In primo luogo, abbiate la bontà di restituire alla fruizione dei senatori la Sala Maccari: non vi è uno spazio, non vi è un angolo dove i senatori, nel momento in cui ne abbiano bisogno, possano fermarsi per la lettura di un giornale o per la necessità di consultare la propria posta elettronica. Noi avremmo la necessità di vedere ripristinato un diritto che avevamo fino a un anno e mezzo fa e che poi, inopinatamente, è stato soppresso.

In secondo luogo, checché se ne dica, qui si lavora, e molto spesso si lavora negli orari che seguono o precedono l'attività d'Aula e di Commissione. Io vi invito cortesemente a verificare la possibilità che ci si possa trattenere anche oltre le 22. Quando infatti ci troviamo nei nostri studi ad approfondire il testo di un disegno di legge o di un intervento che si deve fare il giorno successivo in Aula, noi abbiamo la necessità di tener conto che i portoni si chiudono alle ore 22, di fatto privando il senatore della possibilità di fruire del proprio studio e di tutti i mezzi, anche tecnologici, che sono lì disponibili, oltre che delle documentazioni.

Se i senatori Questori vorranno avere cura di destinare attenzione a questi aspetti, non soltanto riceveranno la gratitudine dei senatori, ma consentiranno agli stessi un più proficuo svolgimento delle proprie attività a beneficio dell'attività parlamentare per il bene del Paese.

PRESIDENTE. È iscritto a parlare il senatore Pizzetti. Ne ha facoltà.