XML(5KB) ePub

Proposta di modifica n. 50.0.100 al DDL n. 733


50.0.100

D'ALIA

Dopo l'articolo 50, inserire il seguente:

«Art. 50-bis.

(Repressione di attività di apologia o incitamento di associazioni criminose o di attività illecite compiuta a mezzo internet)

        1. Salvo che il fatto costituisca reato, il Ministro dell'interno, quando accerta che alcuno, in via telematica sulla rete internet, compie attività di apologia o di incitamento di associazioni criminose in generale, di associazioni mafiose, di associazioni eversive e terroristiche, ovvero ancora attività di apologia o di incitamente della violenza in genere e della violenza sessuale, della discriminazione o dell'odio etnico, nazionale, razziale o religioso, dispone con proprio decreto l'interruzione dell'attività indicata, ordinando ai fornitori di servizi di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine.

        2. L'accertamento di cui al comma 1 è compiuto, su segnalazione di soggetti privati o pubblici ovvero d'ufficio, per mezzo della polizia postale e delle comunicazioni.

        3. Quando è accertata l'identità dell'autore dell'attività di cui al comma 1, il Ministero dell'interno, previa diffida ad adempiere all'interruzione dell'attività entro 10 giorni, in caso di inadempimento, dispone, con proprio decreto l'interruzione ed applica al responsabile una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 50.000.

        4. I fornitori dei servizi di connettività alla rete internet, per l'effetto del decreto di cui al comma 1, devono provvedere ad eseguire l'attività di filtraggio imposta entro il termine di 24 ore. La violazione di tale obbligo una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000, alla cui irrogazione provvede il Ministro dell'interno con proprio provvedimento.

        5. Entro 60 giorni dalla pubblicazione della presente legge il Ministro dell'interno, con proprio decreto, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e con quello della pubblica amministrazione e innovazione, individua e definisce i requisiti tecnici degli strumenti di filtraggio e le relative soluzioni tecnoclogiche di cui al comma 1».