Caricamento in corso...
 
 
Versione ePub Versione PDF (45 KB)

Versione HTML base



Legislatura 16¬ - Disegno di legge N. 2311


Onorevoli Senatori. – Il presente disegno di legge si pone lo scopo di porre l’attenzione sull’anoressia, la bulimia e le altre patologie inerenti i gravi disturbi del comportamento alimentare, attraverso il loro riconoscimento di malattie sociali, e si pone altresì l’obiettivo di combattere qualsiasi forma di istigazione a comportamenti anoressici o bulimici, sempre più diffusa nel nostro Paese. Il fenomeno in questione è piuttosto grave e colpisce in modo subdolo e drammatico migliaia di giovanissimi, per lo più ragazze, fin dall’età puberale, e mostra una continua evoluzione nelle modalità e nella tipologia di diffusione.

    L’anoressia nervosa viene diagnosticata, nella maggior parte dei casi, a pazienti di sesso femminile. Si manifesta, in genere, nella fascia di età compresa tra i dodici e i venticinque anni, con due picchi di maggiore frequenza tra i quattordici e i diciotto anni. Negli ultimi dieci anni si è assistito, tuttavia, ad un numero sempre maggiore di casi con soggetti sempre di età inferiore, fin sotto i dieci anni, e ad una incidenza sempre maggiore di questa patologia negli individui di sesso maschile. Le cause che portano allo sviluppo di un’anoressia nervosa possono essere molteplici: di natura sia biologica, che sociale e psicologica, su cui si sovrappongono ad un certo punto altri fattori che portano allo sviluppo della malattia. Tra le cause che possono scatenare questo tipo di malattie sociali è importante tenere presente l’avere un familiare che soffre, o ha sofferto, di un disturbo del comportamento alimentare, il fatto di crescere in una famiglia dove esista una oggettiva difficoltà a comunicare ed esprimere emozioni, l’appartenenza ad un gruppo sociale «a rischio» per il controllo del peso, il fatto di vivere in un’area urbana di un Paese occidentale dove la magrezza viene enfatizzata come un valore sociale positivo, il fatto di soffrire di un disturbo della personalità. Inoltre, vi è da considerare la frequenza a sottoporsi a diete ferree, e poi sicuramente la difficoltà di adattarsi ai cambiamenti e agli eventi stressanti che la vita impone, come, ad esempio, una sofferenza nella vita privata affettiva, una bocciatura a scuola, un licenziamento dal lavoro, la perdita di una persona cara.
    Il presente disegno di legge non ha certamente l’ambizione di risolvere da solo le molteplici problematiche di malattie legate alla complessità dei disturbi alimentari che coinvolgono diversi aspetti del vivere quotidiano: psicologici, medico-sanitari, sociali e culturali. Non agisce sulle cause profonde che hanno portato al formarsi di tale patologia, fino a pochi decenni fa limitata a pochi casi circoscritti, ad esplodere in un vero e proprio fenomeno di massa del nostro tempo, tuttavia offre la possibilità di contrastarne in modo concreto la diffusione e la promozione.
    Questi disturbi del comportamento alimentare, infatti, hanno assunto, ormai, particolare gravità soprattutto in soggetti in età adolescenziale e necessitano di un intervento di legge per indirizzare le famiglie, la scuola e gli operatori sanitari a compiere tutti quegli interventi che permettono di aiutare il malato ad uscire da questo tipo di patologia ed a renderlo meno vulnerabile. Inoltre, con l’individuazione del nuovo reato d’istigazione al ricorso a pratiche alimentari idonee a provocare l’anoressia o la bulimia, si permette alle Forze di polizia di agire in modo tempestivo e di mettere in atto una serie di misure di contrasto all’incitamento a comportamenti alimentari che possono minacciare gravemente la salute fino a compromettere in modo irreversibile l’integrità psico-fisica delle persone colpite – nella maggior parte dei casi ragazze minorenni –, al punto da provocarne, nei casi più estremi, la morte.
    Si contrasta, inoltre, la diffusione esponenziale dei siti «pro Ana» (personificazione dell’anoressia) e «pro Mia» (analogo appellativo utilizzato per la bulimia) sulla rete internet. Pro Ana e Pro Mia sono, infatti, l’ultima tragica moda nata negli Stati uniti d’America, con i quali milioni di giovanissimi in tutto il mondo attraverso siti, blog e chat, incitano e diffondono comportamenti anoressici e bulimici di origine nervosa. Sono sotto accusa gli oltre 300.000 siti che, in Italia, danno consigli pratici per il perseguimento ossessivo e compulsivo della perdita di peso, ricorrendo a pratiche di restrizione alimentare prolungata, tali da provocare l’anoressia o la bulimia nervosa. Questi siti indicano le metodologie più opportune per celare i comportamenti anoressici alla famiglia, alla scuola e al contesto sociale e per sfuggire ai controlli medici e celebrano il raggiungimento dei 35 chili di peso come ideale e conquista.
    Attraverso blog e chat i ragazzi comunicano i propri obiettivi e diffondono «manuali d’istruzione» per raggiungere la magrezza agognata. Inoltre, le stesse persone invitano e incentivano coloro che hanno difficoltà a sopportare la mancanza di cibo e le lesioni autoindotte a non arrendersi nel nome di una nuova icona di bellezza che si identifica nella scarnificazione del corpo. Vengono, così, consigliati i modi migliori per procurarsi il vomito e per non mangiare; viene indicato come eliminare il senso di fame, ingoiando, ad esempio, batuffoli di cotone idrofilo inzuppati di succo d’arancia; vengono consigliate strategie per non farsi scoprire dai propri familiari, quali, ad esempio, indossare due paia di jeans per sembrare meno magre e altro.
    L’anoressia e la bulimia non sono solo inquadrabili come disturbi alimentari che si manifestano, l’una, con il rifiuto di alimentarsi fino al rischio di morire e, l’altra, con l’impulso di mangiare quantità seriali di cibo da eliminare poi con il vomito autoindotto più volte al giorno, ma devono ormai essere riconosciute quali malattie sociali che oggi vedono sei nuovi casi di anoressici ogni 100.000 abitanti e dodici nuovi casi di bulimici ogni 100.000 abitanti.
    Secondo la Federazione italiana medici pediatri il rischio dell’anoressia sta crescendo in misura esponenziale in Italia, poiché tra le ragazze delle scuole medie (11/13 anni) il 60,4 per cento vorrebbe essere più magra, il 24 per cento ha già sperimentato una dieta e il 32 per cento si è rivolta ad un medico per la prescrizione di un regime alimentare ipocalorico, il 34 per cento è ricorsa ad una dieta fai-da-te, il 30 per cento ha seguito consigli di amici, di riviste o consigliati dalla rete. L’età dei nuovi ammalati è tra i dodici e i venticinque anni e le persone colpite in Italia complessivamente da disturbi alimentari sono circa 2.000.000.
    Dal punto di vista medico la misura può essere attuata nella scuola con l’introduzione di specifici corsi per insegnanti, al fine di migliorare le loro conoscenze in queste tematiche e con il supporto di uno psicologo scolastico che permetta di diagnosticare tempestivamente la malattia e porvi gli opportuni rimedi. Lo Stato e le regioni possono intervenire nella fase della prevenzione e della cura fornendo ai cittadini opportuni rimedi sul piano sanitario e sul piano più propriamente psicologico fornendo aiuto gratuito alle famiglie e ai soggetti colpiti da questa grave malattia che può portare anche in casi estremi alla morte. Ecco il perché di questo disegno di legge, che nel rispetto del titolo V della parte seconda della Costituzione, propone idonei interventi sotto il profilo della prevenzione e della cura dei malati di tali patologie che rischiano di svilupparsi negli adolescenti a ritmo vertiginoso. Si calcola che attualmente, nel nostro Paese, siano circa 3.000.000 i soggetti affetti da questo tipo di patologie. È quindi indispensabile intervenire, come recita la nostra Costituzione, che, all’articolo 32, prevede che la Repubblica tuteli la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività.
    Nel dettaglio, il presente provvedimento si compone di sei articoli.
    L’articolo 1 definisce l’anoressia, la bulimia e le altre patologie inerenti i disturbi gravi del comportamento alimentare come malattie sociali, oltre a definirle nello specifico.
    L’articolo 2 introduce, nel codice penale, il reato di istigazione al ricorso a pratiche alimentari idonee a provocare l’anoressia o la bulimia.
    L’articolo 3 istituisce un piano di interventi ad opera dello Stato, che si avvale del Servizio sanitario nazionale, delle regioni e delle province allo scopo di prevenire e curare le malattie sociali
    L’articolo 4 prevede che le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano indichino alle strutture sanitarie ed alle aziende sanitarie locali gli interventi più idonei ai fini della diagnosi precoce e della prevenzione delle complicanze delle malattie sociali.
    L’articolo 5 stabilisce che il Ministro della salute svolga una relazione annuale alle Camere di aggiornamento sullo stato delle conoscenze e delle nuove acquisizioni scientifiche sulle malattie sociali.
    L’articolo 6, infine, reca una norma di copertura finanziaria.