«
»
Senato & Cultura

La banda nella tradizione popolare

"A 199 anni dalla sua fondazione, la Banda dei Carabinieri dimostra di aver saputo costantemente aumentare il proprio prestigio e il proprio fascino, grazie ad una riconosciuta perfezione stilistica e musicale e ad un repertorio di straordinaria varietà" che l'hanno fatta diventare «un'eccellenza italiana unanimemente riconosciuta».

Il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha aperto, venerdì 7 giugno 2019, nell'Aula di Palazzo Madama, il quinto appuntamento di Senato&Cultura dedicato stavolta al tema "la Banda nella sua tradizione popolare". A pochi giorni dalle celebrazioni per la Festa della Repubblica, la Banda dei Carabinieri - oggi diretta dal maestro Massimo Martinelli e composta da 102 orchestrali selezionati attraverso concorsi pubblici - ha offerto un assaggio del suo vastissimo repertorio, spaziando dall'Ottocento musicale di Verdi, Rossini, Offenbach, Ponchielli e Puccini alle melodie contemporanee di Lucio Quarantotto ed Ennio Morricone.

Dopo l'esibizione del tenore Carabiniere Roberto Lenoci, la conclusione del concerto è stata affidata a La Fedelissima di Luigi Cirenei, marcia di ordinanza dell'Arma.

La galleria fotografica nel sito del Presidente del Senato »



Le immagini

    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda dell'Arma dei Carabinieri in Senato
    • La banda nella tradizione popolare
    • La banda nella tradizione popolare
    • La banda nella tradizione popolare
    • La banda nella tradizione popolare

FINE PAGINA

vai a inizio pagina