Comunicati

Casellati alla Sorbona a Parigi: «Italia e Francia unite da storico protagonismo in Europa: anche per il futuro serve contributo congiunto»

13 Giugno 2019

«Italia e Francia sono legati da una relazione alimentata da vincoli storici, culturali e umani strettissimi e dall'amicizia e collaborazione fra due popoli per molti aspetti fratelli. Il legame italo-francese ha attraversato i grandi movimenti culturali, artistici, filosofici che hanno forgiato l'identità dell'Europa nell'età moderna e ancora oggi rappresenta una risorsa fondamentale per il Vecchio Continente». Lo ha detto stamattina il Presidente del Senato Elisabetta Casellati nel corso del suo intervento all'Université de la Sorbonne di Parigi, il più prestigioso ateneo di Francia che proprio all'Italia ha dedicato il prossimo anno accademico.

Il Presidente Casellati ha aggiunto: «Dopo la tragedia della Seconda guerra mondiale, i nostri due Paesi sono stati tra i fondatori dell'Unione europea svolgendo un ruolo da protagonisti nel suo sviluppo e nel suo ampliamento. E oggi, come in passato, Italia e Francia sono chiamati a dare un contributo decisivo al futuro dell'Europa che deve affrontare sfide impegnative crescita economica, coesione sociale, rivoluzione digitale, salvaguardia del clima, sicurezza e lotta al terrorismo, gestione dei flussi migratori».

Davanti ad una platea nella quale c'erano molti esponenti della cultura e studenti italiani, il Presidente del Senato ha ricordato anche la figura Leonardo Da Vinci, genio italiano di cui quest'anno ricorrono i 500 anni dalla morte: «Ricordare Leonardo in una delle più prestigiose sedi dello studio e della cultura mondiali, come la Sorbona, è il modo migliore per onorarne il lascito più profondo: l'invito ad acquisire princìpi e nozioni conservando sempre una concezione ampia e interdipendente del sapere».

Fine pagina

Vai a: