Comunicati

GIORNATA DELL’EUROPA, CASELLATI RICORDA ALDO MORO: «FU PROTAGONISTA DEL PROCESSO DI INTEGRAZIONE»

09 Maggio 2019

«Oggi è un giorno importante per la costruzione dell'Europa: il 9 maggio del 1950 il ministro degli esteri francese Robert Schuman pronunciò la dichiarazione che ha dato il via al processo di integrazione europea. E in questa giornata nella quale celebriamo la nascita dell'Europa, diventa ancora più doveroso ricordare la figura, l'esempio e il lascito politico e culturale di Aldo Moro di cui oggi ricorre la crudele scomparsa. Proprio lui, il compianto statista democristiano, è stato uno dei protagonisti del processo successivo di costruzione dell'Europa». Lo afferma il Presidente del Senato Elisabetta Casellati in occasione della "Giornata dell'Europa".
«Quest'anno - aggiunge il Presidente - celebriamo anche i 40 anni della prima elezione diretta del Parlamento europeo. E fu proprio Aldo Moro, allora capo del governo, a presiedere il Consiglio europeo del dicembre 1975 che sancì la svolta. Un percorso che proprio Moro, in uno dei suoi ultimi discorsi, chiuse illustrando, da relatore alla Camera, l'atto relativo all'elezione a suffragio universale diretto del Parlamento europeo».
«E alla vigilia del voto in Europa, mutuando la riflessione di Aldo Moro, è doveroso ricordare che la scelta di far esprimere il popolo europeo per eleggere la sua rappresentanza non è importante solo dal punto di vista giuridico, ma lo è ancora di più sotto il profilo morale e politico "perché è la manifestazione di una capacità di crescita interna, inserita nel contesto europeo"», dichiara ancora il Presidente Casellati.
«Il Servizio Studi del Senato per l'occasione, ha raccolto in un dossier tutti gli atti parlamentari che illustrano come l'Italia si preparò all'appuntamento con le prime elezioni dirette del Parlamento Europeo: una pubblicazione importante, che dovrebbero leggere soprattutto i giovani, perché dà la possibilità di prepararsi in modo consapevole a questo momento cruciale per la democrazia europea», conclude.

Fine pagina

Vai a: