Comunicati

ANNIVERSARIO TRATTATI EUROPEI DI ROMA, CASELLATI «DA QUELLA FIRMA È FIORITA LA PIANTA DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA»

25 Marzo 2019

«Dal Trattato di Roma e dal Mercato Comune è fiorita la pianta dell'integrazione dell'Europa, un mercato che ha garantito decenni di progresso economico e sociale. L'Italia affrontò l'integrazione per certi versi meno preparata degli altri paesi firmatari. Ma fu una sfida vinta: lo straordinario sviluppo del nostro Paese sarebbe stato infatti impensabile senza l'apertura dei mercati».
Lo ha affermato oggi il Presidente del Senato Elisabetta Casellati al Palazzo della Farnesina nel corso della cerimonia di intitolazione della sala "Trattati europei di Roma" in occasione del 62esimo anniversario della loro firma.
Ricordando la coincidenza con l'anniversario dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, il Presidente Casellati ha aggiunto: «Se sul piano ideale l'Europa ha molte matrici, l'Europa dei Trattati di Roma ha un contenuto storico e istituzionale preciso: la reazione agli orrori e alle barbarie di due conflitti mondiali e l'obiettivo di costruire una coesione tra i cittadini europei in nome della libertà, della democrazia, della pace e della prosperità. Obiettivi che si intrecciano con le aspirazioni della nostra Carta Costituzionale».
«E anche se l'Unione Europea oggi mostra segni di stanchezza e rassegnazione, frutto certo di errori e mancanza di coraggio, la memoria ci deve imporre di guardare avanti con ottimismo» ha affermato quindi il Presidente Casellati.
«Alla vigilia di un confronto elettorale che sta mobilitando le opinioni pubbliche dei nostri paesi in maniera inedita, la speranza è che il prossimo Parlamento europeo possa dare prospettive nuove al processo di integrazione indispensabile per riaffermare, in una realtà mondiale sempre più articolata e complessa, i valori distintivi della civiltà europea» ha concluso.

Fine pagina

Vai a: