Comunicati

Fosse Ardeatine: Casellati, memoria del passato serva a costruire un futuro migliore

25 Marzo 2019

«Il 24 marzo del 1944, Roma fu teatro di uno dei più feroci massacri della seconda guerra mondiale, un eccidio di civili inermi presso le Fosse Ardeatine: una pagina nera scritta con l'inchiostro dell'odio, della vendetta e della sopraffazione. Ricordare oggi quella tragedia e rivolgere un pensiero commosso alle vittime e ai loro cari non basta: serve l'impegno di tutti affinché ogni logica di violenza venga estirpata per sempre dalla società». Lo ha detto il Presidente del Senato Elisabetta Casellati ricordando il 75esimo anniversario dell'eccidio delle Fosse Ardeatine.
«Ma bisogna continuare a ricordare - ha aggiunto - perché è partendo dalla memoria, anche delle pagine più terribili della nostra storia, che si può sperare di costruire un futuro migliore. Va sottolineato infatti che dalla generazione di Auschwitz e delle Fosse Ardeatine è nata quella dell'Erasmus e dello spazio senza frontiere in Europa. Dalla reazione alla barbarie è nata un'Europa libera, democratica e pacifica che abbiamo il dovere di difendere e rafforzare».

Fine pagina

Vai a: