Discorsi

Un’ora lunga un anno

Videomessaggio del Presidente Casellati, alla presentazione del Secondo Osservatorio Ora di Futuro - Educare i bambini di oggi significa garantire un futuro migliore agli adulti di domani

04 Dicembre 2020

Cari ragazzi,
è un vero piacere portarvi ancora una volta il mio saluto.
L'anno scorso abbiamo condiviso in Senato le emozioni di molti di voi.
Abbiamo ascoltato le vostre mozioni di fiducia sul futuro, le vostre idee e i vostri progetti.
So che anche quest'anno avete lavorato sodo, insieme ai vostri insegnanti e alle vostre famiglie.
Ci sarà sicuramente modo, una volta cessata l'emergenza sanitaria, di rivederci qui a Palazzo Madama per dare spazio alla vostra voce e alla vostra creatività.

Ma ritrovarci insieme oggi, sia pure con modalità del tutto inedite, è già un'occasione importante.
L'occasione di riconoscere il coraggio, l'intelligenza e l'entusiasmo con cui avete affrontato questi mesi così difficili.
So bene quanto sia stato faticoso rinunciare alle vostre aule, ai banchi, al contatto quotidiano con gli amici e gli insegnanti.

Certo, la didattica a distanza e le piattaforme informatiche vi hanno consentito di non interrompere il vostro percorso educativo, ma sappiamo bene che la scuola non è apprendimento attraverso un computer.
Andare a scuola significa stare insieme.
Significa crescere insieme attraverso il dialogo, il confronto, lo studio e il gioco.
E a dircelo sono proprio i vostri elaborati.
Le opere che avete realizzato all'interno di questa bellissima iniziativa che è "Ora di futuro".

Un progetto di crescita, di vita, di speranza e di solidarietà che anche quest'anno ha saputo tradursi in preziose opportunità per voi e le vostre famiglie.
L'opportunità di sentirvi meno soli e, allo stesso tempo di acquisire nuove consapevolezze. L'opportunità di prendere coscienza delle vostre potenzialità e delle vostre incredibili risorse.
L'opportunità di guardare al domani senza paure ma con fiducia e spirito costruttivo. Questo siete voi: il nostro futuro, la nostra più grande ricchezza.

Fine pagina

Vai a: