«
»
Biblioteca

Servizi al pubblico e informazioni

La Biblioteca del Senato offre servizi informativi (primo orientamento e supporto nell'attività di ricerca), formativi (organizzazione di corsi per gli utenti, mirati all'acquisizione di abilità di ricerca), logistici (sale di consultazione, postazioni pc per il pubblico, navigazione wi-fi, riproduzioni), bibliografici (consultazione del materiale documentario e di risorse elettroniche in abbonamento, accessibili tramite i cataloghi e la Biblioteca digitale del Polo bibliotecario parlamentare) nonché, per gli utenti istituzionali, servizi locali e interbibliotecari di prestito e fornitura documenti.

Distribuzione e consultazione

Circa 700.000 tra libri e periodici, da consultare liberamente nelle sale a scaffale aperto o da chiedere al personale del servizio di Orientamento, da leggere o da lasciare in deposito per due settimane: tutte le informazioni di dettaglio nei punti che seguono. Vedi anche Consultazione e distribuzione alla Biblioteca della Camera.

  • Accesso al materiale librario

    Nelle Sale di consultazione, sia quelle generali del piano terra, sia quelle specializzate del primo e del secondo piano, l'accesso ai libri e ai periodici a scaffale aperto è libero. Gli utenti possono prendere da soli i volumi e lasciarli sui tavoli al termine della consultazione, senza ricollocarli.

    Presso il bancone dell'Orientamento al piano terra di Palazzo della Minerva è invece attivo il Servizio di distribuzione del materiale librario collocato nei magazzini.

  • Moduli e tempi di consegna

    Le opere vanno richieste al personale dell'Orientamento compilando gli appositi moduli differenziati secondo il materiale bibliografico richiesto: monografie (modulo verde), periodici e pubblicazioni ufficiali (modulo azzurro), fondi speciali (modulo giallo), atti parlamentari (modulo rosa). I moduli per le richieste, composti da 3 fogli di carta copiativa, sono disponibili negli appositi espositori accanto alle postazioni informatizzate, nelle sale Orientamento e Cataloghi e in tutte le sale di consultazione.

    La distribuzione delle opere collocate nei magazzini di Palazzo della Minerva avviene di norma con un'attesa tra i 15 e i 30 minuti: le richieste possono essere inoltrate entro le ore 19.00 dal lunedì al venerdì ed entro le ore 12.00 il sabato.

    Le opere richieste tramite il servizio di distribuzione vanno sempre riconsegnate al personale dell'Orientamento presso il bancone del piano terra.

    Parte dei materiali bibliografici sono conservati presso magazzini esterni, in particolare: Quotidiani stranieri, Quotidiani aperti, Quotidiani locali, Monografie riguardanti Enti locali, Comunità Europea, Organizzazioni Internazionali, Periodici chiusi. La distribuzione di queste opere avviene con le modalità specificate nell'apposito paragrafo.

  • Quantità di volumi consultabili

    Per razionalizzare il servizio di distribuzione al pubblico, la Biblioteca del Senato consente di norma agli utenti esterni la consultazione contemporanea di non più di tre opere, per un massimo di sei volumi. Per le opere collocate nelle Sale di consultazione non è fissato un numero massimo di volumi consultabili contemporaneamente.

    Tuttavia si possono verificare casi in cui, per il tipo particolare di ricerca o per la collocazione fisica dei volumi in magazzini esterni (ad esempio, nel caso delle annate rilegate dei periodici non correnti o dei quotidiani custodite presso l'Emeroteca di Palazzo Madama), si pone la necessità di avere in visione nello stesso momento un numero di volumi anche molto maggiore di sei.

    In questi casi il personale dell'Orientamento può creare uno stock, ossia mettere in carico all'utente una certa quantità di volumi di monografie, periodici o giornali, che saranno a sua disposizione, presso la sala di lettura del primo piano, per 14 giorni (rinnovabili una sola volta, dunque per una durata massima di 28 giorni di consultazione), trascorsi i quali lo stock viene riconsegnato e ricollocato d'ufficio.

    L'utente può riconsegnare anche prima di tale scadenza, ma deve considerare lo stock come un insieme non divisibile: non sono previste restituzioni parziali intermedie.

    Al momento della creazione dello stock il personale dell'Orientamento compila un elenco completo del materiale in visione; sarà cura dell'utente lasciare sui volumi il modulo fornitogli con la scritta "Non ricollocare", in mancanza del quale i libri saranno immediatamente riportati nei magazzini.

    Quando l'utente decide di riconsegnare definitivamente i volumi, avvisa il personale dell'Orientamento.

    Lo stock non è rinnovabile se un altro utente ha avanzato richiesta dei volumi che lo compongono.

    È possibile avere un massimo di due stock in visione contemporaneamente.

  • Deposito

    Gli utenti esterni possono lasciare fino a tre opere in deposito, per un massimo di sei volumi fisici; devono inoltre rispettare il limite di sei richieste contemporaneamente registrate a loro nome, tra volumi in deposito e volumi in lettura.

    Il materiale bibliografico potrà essere tenuto in deposito per 15 giorni, trascorsi i quali sarà comunque ricollocato in magazzino.

    È possibile prenotare volumi in deposito ad altro utente: non appena i libri saranno disponibili, sarà cura della biblioteca avvisare l'utente.

    Sono esclusi dal deposito gli Atti parlamentari, le raccolte legislative, i fondi speciali e i libri collocati nelle Sale di consultazione. Si ricorda che per questi ultimi, che l'utente può prendere autonomamente e lasciare sui tavoli delle ripettive sale al termine della consultazione, non è fissato un numero massimo di volumi consultabili contemporaneamente.

  • Richieste per magazzini esterni

    La Biblioteca conserva parte dei suoi materiali bibliografici presso magazzini esterni, situati nella sede storica di palazzo Madama e in via del Trullo, nella zona sud di Roma. In particolare si trovano in questi magazzini: Quotidiani stranieri, Quotidiani aperti, Quotidiani locali, Monografie riguardanti Enti locali, Comunità Europea, Organizzazioni Internazionali, Periodici chiusi.

    Se è presente una versione digitale o in microfilm di un quotidiano o periodico, la relativa versione cartacea non viene movimentata per motivi di conservazione; i microfilm e il digitale sono consultabili dalle postazioni in Biblioteca. È tuttavia possibile, per esigenze particolari, inoltrare richiesta motivata per la consultazione del cartaceo con l'apposito modulo editabile (che può essere compilato ed inviato per e-mail all'indirizzo della biblioteca).

    La movimentazione dei volumi collocati a palazzo Madama e a via del Trullo viene effettuata su richiesta attraverso tre navette settimanali; i volumi sono messi a disposizione nella sede principale nei giorni di:

    • martedì per i volumi richiesti entro il sabato precedente
    • giovedì per i volumi richiesti entro martedì
    • sabato per i volumi richiesti entro giovedì

    Le richieste di questi materiali possono essere effettuate in sede oppure inoltrate all'indirizzo bibliotecaminerva@senato.it, precisando autore, titolo, collocazione, eventuale volume, per le monografie; titolo quotidiano, collocazione, annate, mesi, per i quotidiani. Le collocazioni dei volumi, il posseduto dei quotidiani e l'eventuale disponibilità di formati digitali, si possono verificare interrogando il Catalogo del Polo bibliotecario parlamentare ed il Catalogo annuale Giornali della Biblioteca. Qualora non si fosse sicuri che i volumi siano conservati presso magazzini esterni, prima di inoltrare la richiesta si consiglia di inviare una mail per verificarne l'effettiva collocazione.

    Le richieste pervenute saranno evase con la prima navetta disponibile e sarà cura del personale dare comunicazione dell'esito.
    Nel caso le richieste prevedano la movimentazione di un numero elevato di volumi saranno evase in più navette successive.

  • Sale di consultazione

    Per il pubblico della Biblioteca sono allestite sale di consultazione a scaffale aperto, sia generali che specializzate, per offrire un supporto immediato, basilare eppure scientifico, alle ricerche negli ambiti disciplinari cui sono dedicate:

    • Sale di consultazione generale (sezione soprattutto dedicata alla ricerca giuridica e biografica, con dizionari ed enciclopedie);
    • Sala di storia del diritto e legislazione degli antichi Stati italiani (con annesse la Sala Cortese e la Sala Vassalli);
    • Sale di storia e storia locale;
    • Sale di scienze politiche;
    • Sale periodici;
    • Emeroteca e fondo di giornalismo.

    Scarica la mappa delle sale di consultazione

    Per conoscere le collezioni a cui gli utenti possono direttamente accedere in ogni sala, è possibile interrogare il catalogo online della Biblioteca del Senato impostando un filtro per "Base da ricercare", selezionando l'opzione prescelta grazie all'apposito menu a tendina.

    In generale i libri collocati nelle sale di consultazione possono uscire dalla sala a cui appartengono per essere visionati in altre sale (incluse le sale della Biblioteca della Camera), ad eccezione dei materiali presenti in sala periodici, che possono uscire solo per le operazioni di fotocopiatura, e dei libri antichi.

    Nella sezione di storia del diritto e legislazione degli antichi Stati italiani sono collocati a scaffale aperto anche alcuni preziosi fondi speciali, per i quali è consentita la circolazione solo nelle tre sale ad essi dedicate, al primo piano di Palazzo della Minerva.
    La Sala Cortese è riservata ai professori e agli studiosi autorizzati dall'Ufficio centrale e per la gestione dei fondi speciali, che indica altresì i documenti di particolare pregio che possono essere consultati esclusivamente presso la Sala orientamento al piano terra della Biblioteca.
    Il materiale antico, pur disponibile alla consultazione in sala, resta sottoposto alle limitazioni nella riproduzione, come da Regolamento della Biblioteca (art. 9).

    L'utente deve aver cura di riconsegnare al bancone i volumi richiesti tramite il servizio di distribuzione e di lasciare invece sui tavoli delle Sale i volumi presi dagli scaffali aperti.

    Il materiale bibliografico fornito in stock su carrelli (si veda, in questa stessa pagina, il punto Quantità di volumi consultabili) va consultato nella Sala di storia del diritto al primo piano.

  • Sala per lo studio e il lavoro di gruppo

    È possibile utilizzare la Sala del Pensiero Politico, al secondo piano della Biblioteca, per lavori e studio di gruppo. La sala è disponibile tutti i giorni, durante gli orari di apertura della Biblioteca (la richiesta può riguardare la mattina, il pomeriggio o l'intera giornata), e può essere utilizzata da gruppi di utenti (massimo 10 persone) previa richiesta tramite e-mail da inviare con almeno 24 ore di anticipo. La richiesta viene valutata dalla Direzione della Biblioteca anche in base alla disponibilità data dal calendario delle prenotazioni.

    Il richiedente dovrà comunicare all'indirizzo bibliotecaminerva@senato.it i dati relativi al gruppo di studio secondo il seguente modello (che può essere copiato e incollato nel testo della e-mail):

    Nome: .............................................................
    Cognome: .............................................................
    E-mail: .............................................................
    Telefono cell.: .............................................................
    Chiede al Direttore della biblioteca di poter utilizzare la Sala del Pensiero Politico il giorno .......................
    *la mattina (9-13:30), *il pomeriggio (13:30-19:00), š*l'intera giornata (*specificare una delle tre opzioni)
    per lo svolgimento della seguente iniziativa: .............................................................
    cui parteciperanno (nome e cognome): .............................................................

    Si ricorda che tutti i partecipanti dovranno essere iscritti al Polo Bibliotecario Parlamentare e, in caso di necessità, inoltrare individualmente la richiesta di autorizzazione per introdurre apparecchi fotografici e libri propri secondo le consuete procedure.

Informazioni bibliografiche

Per ricevere assistenza nella ricerca, in forma più approfondita rispetto al servizio di primo orientamento sempre attivo in sede, è possibile contattare il personale specializzato della Biblioteca. Vedi anche la pagina Informazioni sui Fondi speciali per notizie e ricerche sulle collezioni antiche e di interesse localistico.

  • A chi è rivolto il servizio

    Il pubblico esterno può usufruire del servizio inviando una richiesta ai seguenti recapiti (indicare argomento e motivazione della consulenza richiesta - ad es. per tesi di laurea, pubblicazione ecc. - e un recapito telefonico per poter essere ricontattati):

    Ci si può rivolgere agli stessi recapiti per richieste di consulenza in presenza, che dovranno poi essere concordate con il personale della Biblioteca.

    Per gli utenti istituzionali è sempre a disposizione un documentarista parlamentare, ai seguenti recapiti:

  • Che cosa offriamo

    Per il pubblico esterno: Per i senatori e il personale interno:

    Il servizio fornisce:
    · consulenza generale e orientamento nel mondo delle biblioteche e tra le risorse online, nell'ambito delle materie di specializzazione della Biblioteca del Senato
    · assistenza nella consultazione degli strumenti repertoriali, cartacei e online
    · guida alla ricerca bio-bibliografica, normativa e negli Atti parlamentari italiani (inclusi i lavori preparatori delle leggi e l'attività dei Senatori), per quanto disponibile presso la Biblioteca.

    Il servizio non fornisce al pubblico:
    · bibliografie o dossier elaborati ad hoc
    · informazioni e consigli per la preparazione di concorsi
    · pubblicazioni in dono, in vendita, in prestito
    · riproduzioni di Atti parlamentari o altri documenti
    · fotografie e carte d'archivio
    · consulenze di carattere legale, medico ecc.
    · informazioni che violino le disposizioni di legge sulla privacy.

    Il servizio è svolto in lingua italiana o inglese; viene sospeso nel mese di agosto, in concomitanza con la chiusura della Biblioteca al pubblico esterno.

    Il servizio:

    · elabora bibliografie segnaletiche e svolge ricerche nell'ambito delle materie di specializzazione della Biblioteca del Senato e negli Atti parlamentari

    · offre documentazione legislativa e giurisprudenziale

    · garantisce consulenza e orientamento nel mondo delle biblioteche, tra risorse locali o remote e per la consultazione degli strumenti repertoriali cartacei e online.

    I tempi di risposta potranno variare a seconda della complessità dei quesiti e saranno concordati con i richiedenti.

    Per alcuni particolari tipi di informazioni e ricerche è inoltre consigliabile rivolgersi ad altri settori o servizi:

    Per ottenere... ...rivolgersi a:

    informazioni su edizioni antiche e fondi speciali della Biblioteca del Senato


    fondispeciali@senato.it

    informazioni su eventi, presentazioni di libri, convegni organizzati dalla Biblioteca del Senato

    bibleventi@senato.it

    informazioni e ricerche su documenti d'archivio (inclusi quelli relativi ai Senatori)

    Archivio storico del Senato
    (archiviostorico@senato.it, tel. 06.6706.4785)

    riproduzioni o acquisto di Atti parlamentari non disponibili online

    Libreria multimediale - Centro di Inform@zione e documentazione istituzionale del Senato
    (libreria@senato.it, tel. 06.6706.2505)

    in particolare, per aggiornamenti in tempo reale sull'iter dei provvedimenti normativi e sull'attività parlamentare

    consultare le banche dati parlamentari oppure rivolgersi a:

    servizio di informazioni parlamentari (infopoint@senato.it, tel. 06.6706.3430)

    informazioni sulle pubblicazioni del Senato in vendita

    Libreria multimediale - Centro di Inform@zione e documentazione istituzionale (libreria@senato.it, tel. 06.6706.2505)

    informazioni sui bandi di concorso e sui tirocini in Senato

    consultare le pagine Concorsi e Tirocini nel sito Internet del Senato oppure rivolgersi al Servizio del personale (tel. 06.6706. 5107 - 5108)

    recapiti degli onorevoli Senatori

    consultare le schede biografiche sul sito Internet del Senato

Accesso alle postazioni informatizzate

Su un totale di circa 160 posti a sedere, la Biblioteca mette a disposizione degli utenti oltre venti postazioni informatiche per la consultazione di cataloghi e banche dati e la navigazione in internet, in aggiunta alla rete wi-fi. Ai pc si accede mediante nome utente e password, come descritto nei punti che seguono. Vedi anche: Postazioni informatiche della Biblioteca della Camera.

  • Dotazioni

    La Biblioteca mette a disposizione del pubblico 21 postazioni informatizzate, accessibili per tutto l'orario di apertura. Permettono di:

    • consultare i cataloghi e le banche dati della Biblioteca;
    • navigare in Internet, salvo per i siti non ritenuti conformi con le finalità di studio e di ricerca della Biblioteca;
    • utilizzare programmi di videoscrittura e fogli di calcolo;
    • copiare dati su supporti personali (purché non richiedano installazione di software);
    • comprimere e decomprimere files (Zip/Unzip);
    • inviare per posta elettronica i risultati delle ricerche effettuate.

    Si ricorda che:

    • l'utente è personalmente responsabile di tutte le attività svolte sulle postazioni con il proprio identificativo;
    • la consultazione ed il download dei documenti avviene nell'ambito della normativa sul copyright;
    • non è consentito l'utilizzo di nessun tipo di software proprio sulle postazioni ed in particolare di nessun software per l'interrogazione massiva delle banche dati.
  • Password

    A scopo di sicurezza, per utilizzare i computer in queste postazioni è necessario disporre di credenziali d'accesso personali (identificativo e password), valide anche per l'accesso ai computer della Biblioteca della Camera. Dal 9 maggio 2017 le password vengono consegnate a ciascun utente presso la portineria di Piazza della Minerva al momento dell'ingresso e sono abbinate al codice a barre della tessera della Biblioteca.

    Gli utenti che si registrano per la prima volta, non essendo ancora in possesso di una tessera della Biblioteca, così come gli utenti interni, possono rivolgersi al personale del bancone dell'Orientamento per richiedere la stampa delle credenziali d'accesso; allo stesso modo, possono rivolgersi al personale di sala gli utenti che dovessero smarrire la password.

    Le credenziali d'accesso vanno poi digitate nella maschera che appare sui monitor; all'avvio del computer si aprirà un messaggio di benvenuto per accedere alle principali risorse della Biblioteca, altrimenti si potrà avviare una sessione Internet utilizzato i browser presenti sulla macchina .

    Codice e password restano validi solo per l'arco della giornata e sono assegnati univocamente all'utente, che ne è personalmente responsabile; si consiglia perciò di non lasciarli incustoditi e di disconnettersi sempre al termine di una sessione di lavoro.

    In ogni caso, dopo 10 minuti di inattività il computer si disconnette automaticamente, con eventuale perdita dei dati non salvati su supporto esterno.

    Poiché codici e password di accesso ai pc sono validi solo per il giorno in corso, l'utente non è tenuto a riconsegnarli al personale.

    Accanto ad ogni monitor sono predisposte ulteriori istruzioni per l'utilizzo delle postazioni informatizzate; il personale è comunque sempre disponibile per una prima assistenza.

    Gli utenti possono utilizzare in Biblioteca computer propri, ma non sono disponibili prese di rete per gli utenti.

  • Rete Wi-Fi

    Nelle sale giuridiche al piano terra e nella sala degli Atti Parlamentari al secondo piano è attivo il servizio WIFI per gli utenti. Le credenziali per l'accesso, che variano quotidianamente, sono affisse nei locali della Biblioteca.

Riproduzioni

Gli utenti possono realizzare riproduzioni dal materiale bibliografico, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge e compatibilmente con le condizioni del materiale da riprodurre, come descritto nei punti che seguono. Vedi anche la pagina Riproduzioni alla Biblioteca della Camera.

  • Fotocopie

    Agli utenti è consentito effettuare personalmente fotocopie, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge e compatibilmente con le condizioni del materiale da riprodurre. (Attualmente le norme sul diritto d'autore consentono la riproduzione di non oltre il 15% di una pubblicazione).

    Sono disponibili macchine fotocopiatrici sia al piano terra che ai piani superiori.

    Per effettuare fotocopie è necessaria una tessera ricaricabile a scalare che si acquista presso l'apposito distributore presso il punto di ristoro al piano terreno.

    Il costo delle fotocopie è di:

    - 0,10 euro per il formato A4

    - 0,20 euro per il formato A3

    La scheda ha il costo iniziale di 1 euro (comprensivo di 5 copie) e resta in possesso dell'utente; può essere ricaricata dell'importo desiderato, presso il medesimo distributore.

    Sono esclusi dalle fotocopie:

    • i manoscritti, gli autografi, gli incunaboli, i libri rari e di pregio, nonché i libri editi fino alla fine del sec. XIX;
    • i giornali;
    • le pubblicazioni a fogli mobili;
    • le tesi di laurea e di dottorato;
    • gli atlanti, le carte geografiche e topografiche;
    • ogni documento il cui stato di conservazione non permetta, a giudizio della Biblioteca, la riproduzione senza pericolo di danno.
  • Riproduzioni fotografiche e digitali

    La Biblioteca offre la possibilità di riprodurre in formato digitale, previa autorizzazione scritta della Direzione, il materiale bibliografico escluso dalla fotocopiatura: l'utente può fotografare o scansionare autonomamente. La riproduzione del materiale appartenente ai fondi speciali deve essere in ogni caso sottoposta al parere preventivo dell'Ufficio competente.

    L'utente che voglia introdurre in Biblioteca apparecchi personali per la fotoriproduzione deve richiedere l'autorizzazione compilando un apposito modulo (editabile), che può essere inviato per e-mail o consegnato al personale dell'Orientamento. Le richieste inviate per e-mail, autorizzate dalla Direzione, dovranno essere firmate al momento dell'arrivo in Biblioteca. Le richieste presentate al bancone dell'Orientamento saranno autorizzate entro le 24 ore successive. L'autorizzazione scade allo scadere della tessera di accesso alla Biblioteca.

Prestito

Per gli utenti istituzionali della Biblioteca è disponibile anche il servizio di prestito, come descritto nei punti che seguono.

  • A chi è rivolto il servizio

    Il servizio di prestito è riservato a:

    • parlamentari;
    • personale interno ed ex-dipendenti del Senato della Repubblica;
    • dipendenti del Senato a tempo determinato;
    • personale facente parte del Gabinetto del Presidente (ammesso al prestito a titolo individuale, su esibizione del tesserino di riconoscimento, per la durata della legislatura, su disposizione del Presidente);
    • dipendenti dei Gruppi parlamentari (ammessi al prestito a titolo individuale, su esibizione del tesserino di riconoscimento, per la durata della legislatura, su malleveria dei Presidenti dei Gruppi medesimi);
    • con la creazione del Polo parlamentare, sono ammessi al prestito i dipendenti e gli ex-dipendenti della Camera dei Deputati. Tuttavia, per il momento, le politiche di prestito delle due biblioteche restano distinte.

    Gli utenti esterni non sono ammessi al prestito

  • Modalità del servizio

    L'utente ammesso al prestito può inoltrare le richieste al personale dell'Orientamento mediante l'apposita modulistica, oppure attraverso applicazione presente sul portale intranet. Il volume sarà smagnetizzato per superare l'allarme antitaccheggio. Il libro è attribuito all'utente mediante il software di gestione in uso presso la Biblioteca.

    Gli onorevoli parlamentari che desiderano inviare presso la Biblioteca i propri collaboratori per ritirare dei libri in prestito devono munirli di delega con la specifica dei titoli richiesti. A questo scopo la Biblioteca ha predisposto un modulo che il collaboratore presenterà, firmato dal parlamentare, al personale dell'Orientamento a Palazzo della Minerva.

    La ricevuta dell'operazione di prestito è prodotta in due copie: una è collocata al posto del documento nei magazzini, una, firmata dall'utente o dal suo delegato, è conservata dalla Biblioteca fino al momento della restituzione del documento. Un apposito segnalibro indicherà la data di scadenza del prestito.

    I volumi possono essere restituiti anche utilizzando il box allestito dalla Biblioteca nei locali adiacenti il guardaroba di Palazzo Madama, nel caso in cui si avesse bisogno della ricevuta di restituzione del volume, si rende necessaria la restituzione presso la sede di Palazzo della Minerva.

    Il Servizio della Biblioteca provvede periodicamente a verificare i prestiti scaduti e a sollecitare gli utenti morosi.

    Possono essere presi in prestito fino a dieci volumi, per due mesi, rinnovabili per non più di due volte.

    I volumi collocati nelle Sale di consultazione possono essere presi in prestito per sette giorni non rinnovabili, fino a un massimo di tre volumi contemporaneamente.

    Sono comunque esclusi dal prestito:

    • i manoscritti, gli autografi, gli incunaboli, i libri rari e di pregio, nonché i libri editi fino alla fine del sec. XIX;
    • i giornali;
    • i periodici;
    • le raccolte degli atti parlamentari e legislativi italiani e stranieri;
    • le opere di consultazione (enciclopedie, dizionari, etc.), ad eccezione delle monografie collocate nelle sale di consultazione, che possono essere dati in prestito breve di sette giorni;
    • le pubblicazioni a fogli mobili;
    • le tesi di laurea e di dottorato;
    • gli atlanti, le carte geografiche e topografiche;
    • gli audiovisivi, i microfilm e le pubblicazioni su supporto digitale;
    • i documenti il cui stato di conservazione è tale da non consentire, a giudizio del Servizio, l'uscita dalla Biblioteca senza pericolo di danno.

    Per altre informazioni suggeriamo di consultare l'articolo 7 del Regolamento della Biblioteca.

Prestito interbibliotecario e fornitura dei documenti

Per gli utenti istituzionali della Biblioteca sono disponibili i servizi di prestito interbibliotecario e fornitura di documenti. La biblioteca effettua tali servizi anche verso altre biblioteche, come descritto nei punti che seguono. Per informazioni e richieste: bibl-ill@senato.it

  • A chi è rivolto il servizio

    Possono presentare richiesta di prestito interbibliotecario (Inter-Library Loan - ILL) e di fornitura documenti a distanza (Document Delivery - DD) solo gli utenti istituzionali della Biblioteca, secondo i termini e le condizioni di disponibilità determinati dalla biblioteca di provenienza. Qualora la biblioteca prestante non effettui il servizio gratuitamente, la Biblioteca del Senato provvede a sostenere le relative spese.

    Gli utenti esterni non sono ammessi al prestito interbibliotecario né alla fornitura di documenti a distanza.

  • Prestito (ILL) alle Biblioteche

    La Biblioteca del Senato ammette al prestito le biblioteche della Presidenza della Repubblica, della Corte costituzionale, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, del Consiglio di Stato e della Corte dei conti.

    È facoltà della Commissione per la Biblioteca e per l'Archivio storico ammettere al prestito altre biblioteche. Su singole richieste di prestito interbibliotecario può, di volta in volta, decidere il Direttore del Servizio, che ne informa la Commissione.

    Sono oggetto del prestito interbibliotecario verso altre biblioteche i documenti di magazzino, con l'eccezione di quelli esclusi di norma dal prestito. Il prestito interbibliotecario avviene, di norma, in regime di reciprocità: laddove questo non sia possibile viene accettato il rimborso delle spese a mezzo Voucher IFLA (1 voucher a volume per un massimo di 3 volumi, 1 voucher e 1/2 per spedizioni fuori dall'Italia).

    Per altre informazioni e per inoltrare richieste si può scrivere a: bibl-ill@senato.it.

  • Fornitura di documenti (DD) alle Biblioteche

    La Biblioteca può fornire documenti a biblioteche e a istituti culturali e di ricerca, nel rispetto della normativa vigente sulla tutela del diritto d'autore. Il servizio è offerto, di norma, in regime di reciprocità: laddove questo non sia possibile viene accettato il rimborso delle spese a mezzo Voucher IFLA (1/2 voucher entro le 20 pagine, 1 voucher oltre).

    Per altre informazioni e per inoltrare richieste si può scrivere a: bibl-ill@senato.it.

Corsi di formazione per gli utenti

Da alcuni anni - con crescente coordinazione e in forma congiunta dal 2015 - le biblioteche di Senato della Repubblica e Camera dei deputati organizzano il ciclo di incontri La ricerca in biblioteca. Percorsi didattici per gli utenti: appuntamenti di orientamento e formazione alla ricerca, in ambito sia tradizionale che elettronico, con particolare riferimento alle collezioni parlamentari e alla documentazione di fonte pubblica disponibile online.

Per il calendario aggiornato dei corsi si rinvia al sito del Polo bibliotecario parlamentare.

Attività seminariali

La Biblioteca propone iniziative di aggiornamento, orientamento, formazione, rivolte a membri del Parlamento o ad altre istituzioni.

  • Per parlamentari

    Per rendere le collezioni e i servizi sempre più fruibili, la Biblioteca propone agli utenti istituzionali uno o più incontri individuali o per piccoli gruppi (singoli Senatori, staff di Segreteria, Gruppi parlamentari) con le documentariste del Settore Orientamento e Informazioni bibliografiche della Biblioteca.

    Gli incontri sono finalizzati alla presentazione delle collezioni digitali accessibili da tutti i computer della rete Senato: migliaia di documenti tra riviste elettroniche, giornali full-text, documentazione giuridica.

    Il colloquio (di circa un'ora, salvo diverse esigenze) potrà tenersi, a discrezione dei richiedenti, presso i rispettivi uffici o presso la Biblioteca, in giorni ed orari da concordare inviando un'e-mail a bibl-info@senato.it o contattando l'interno 2767.

    Per gli incontri è consigliabile disporre di almeno una postazione pc ogni 3-4 persone e di connessione internet. Nell'occasione sarà anche possibile prendere ulteriori accordi per una eventuale consulenza più mirata, a seconda delle esigenze dei richiedenti.

    Per singole richieste di assistenza alla ricerca o di informazioni bibliografiche e normative è comunque a disposizione lo sportello telefonico riservato all'utenza istituzionale: al numero 2767 risponde il personale specializzato della Biblioteca del Senato.

  • Per enti e istituzioni

    La Biblioteca del Senato, nel quadro delle attività del Polo bibliotecario parlamentare, promuove iniziative di orientamento e formazione alla ricerca in biblioteca, in ambito sia tradizionale che elettronico, con particolare riferimento alle collezioni parlamentari e alla documentazione di fonte pubblica disponibile in Internet.

    L'offerta formativa della Biblioteca si articola in particolare nei settori della ricerca bibliografica, della documentazione giuridica, dell'utilizzo delle banche dati parlamentari, con incontri periodici di due ore l'uno. Per avere un'idea di contenuti e struttura dei corsi proposti si rinvia, in questa stessa pagina, alla sezione Corsi di formazione per gli utenti.

    Organi costituzionali, pubbliche amministrazioni ed enti di diritto pubblico che siano interessati a uno o più moduli, in giorni e orari da definire, per offrire ai propri dipendenti formazione o aggiornamento sulle risorse per la ricerca, possono mettersi in contatto con la Biblioteca del Senato per concordare eventuali iniziative: BibliotecaMinerva@senato.it.

FINE PAGINA

vai a inizio pagina