«
»
Minerva Web
Bimestrale della Biblioteca 'Giovanni Spadolini'
A cura del Settore orientamento e informazioni bibliografiche
n. 53 (Nuova Serie), ottobre 2019

Premio Giorgio De Gregori 2013

Giorgio De GregoriIl 25 e 26 settembre 2013, rispettivamente alla Biblioteca di Storia moderna e contemporanea di Roma e alla Biblioteca Provinciale Gabriele D'Annunzio di Pescara, il mondo delle biblioteche si è raccolto - con notevole partecipazione di pubblico - attorno a Francesco e Luigi De Gregori per festeggiare la nuova edizione del Premio Giorgio De Gregori, destinato alla migliore tesi nelle tematiche riguardanti la biblioteconomia, il libro, le biblioteche.

Il premio, ideato dai figli nel 2007 per un quinquennio e ora - con felice intuizione - rinnovato, cadeva quest'anno proprio nel decennale della scomparsa del bibliotecario che, soprattutto dagli anni Cinquanta agli anni Settanta, ricoprì il ruolo di Soprintendente bibliografico per l'Abruzzo e il Molise e fu poi ai vertici del Centro nazionale per il Catalogo Unico (oggi ICCU) e della Biblioteca della Corte Costituzionale.

La tesi vincitrice del Premio, che come nelle edizioni precedenti sarà pubblicata per i tipi dell'Associazione italiana biblioteche, è per la prima volta frutto di un'esperienza di laurea triennale, considerata dalla giuria di particolare novità: riguarda infatti il "gaming" in biblioteca, ovvero la fruizione e l'utilizzo didattico o promozionale di videogiochi connessi ai servizi e alla missione della biblioteca. L'autrice del lavoro premiato è Martina Marsano, neodottoressa in Scienze della Formazione presso l'Università degli studi di Roma Tre, sotto la guida della relatrice Luisa Marquardt.

La proclamazione della vincitrice è stata introdotta a Roma da una tavola rotonda su "Giorgio De Gregori e la politica per le biblioteche: associazione e cooperazione tra anni Cinquanta e Ottanta del Novecento", aperta dalla direttrice della BSMC, Simonetta Buttò, mentre a Pescara un'altra tavola rotonda su "Le biblioteche in Abruzzo: cooperazione e prospettive future" ha preceduto la presentazione dell'opera di Chiara Faggiolani vincitrice dell'edizione 2011 del Premio (Posizionamento e missione della biblioteca pubblica: un'indagine su quattro biblioteche del Sistema bibliotecario comunale di Perugia, Roma, AIB, 2013).

Tra i molti e illustri relatori che hanno diffusamente illustrato l'azione e gli anni di Giorgio De Gregori nel più ampio quadro della politica bibliotecaria della seconda metà del Novecento (il lungo elenco degli intervenuti è disponibile nel programma ufficiale sul sito web del Ministero dei beni e delle attività culturali), ci piace ricordare la presenza della Biblioteca del Senato nelle persone di Anna Galluzzi, che ha presentato a Pescara il volume di Chiara Faggiolani, e di Sandro Bulgarelli, fino a pochi mesi fa direttore della Biblioteca, che nella tavola rotonda romana ha proposto un commosso ricordo, anche personale, del collega scomparso, concentrandosi sugli anni che lo videro alla guida della Biblioteca della Corte Costituzionale.

Le parole di Bulgarelli hanno evidenziato un nodo cruciale nel ruolo del bibliotecario al servizio degli organi costituzionali: il delicato rapporto con un'utenza istituzionale gerarchicamente sovraordinata, senz'altro da seguire, ma anche da guidare nella ricerca delle fonti utili ad orientare la propria attività. Come "La cuoca del Presidente" che nel recente film di Christian Vincent (Francia, 2012) porta al Capo dello Stato - attraverso i piatti elaborati - le materie e i sapori, ovvero la realtà stessa del Paese che egli governa, così in qualche modo il bibliotecario svolge con discrezione - tra i suoi altri compiti - il lavoro di avvicinare ai vertici decisionali le espressioni del pensiero umano, la sedimentazione della storia nelle fonti, gli elementi informativi necessari alla gestione della res publica.

***************************

Alleghiamo una bibliografia di pubblicazioni di e su Giorgio De Gregori presenti nelle Biblioteche del Polo Bibliotecario Parlamentare.

Archivio Newsletter

FINE PAGINA

vai a inizio pagina