Archivio delle notizie
  • Agosto 2016

    • Giovedì 25

      Calendario dei lavori dell'Assemblea fino al 22 settembre

      La Conferenza dei Capigruppo, riunitasi mercoledì 27 luglio, ha approvato il nuovo calendario dei lavori fino al 22 settembre.

      L'Assemblea torna a riunirsi il 13 settembre con il seguito dell'esame del ddl sull'editoria.
      Restano in calendario gli altri argomenti non conclusi: le relazioni della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, il provvedimento collegato sul cinema, la proposta di modifiche al c.p., al c.p.p. e all'ordinamento penitenziario, il disegno di legge sui parchi.
      Nella seduta pomeridiana di giovedì 15 settembre, a partire dalle ore 15, si terrà una seduta di sindacato ispettivo di ampia durata al fine di dare risposta ai documenti di maggiore urgenza segnalati dai Gruppi.

      Durante la pausa estiva, le Commissioni sono autorizzate a convocarsi in qualunque momento in relazione a sopravvenute esigenze nelle materie di propria competenza.
      L'attività ordinaria delle Commissioni riprenderà a partire da lunedì 5 settembre.

      Calendario dei lavori dell'Assemblea fino al 22 settembre »

      Audizioni in Commissione Rifiuti

      La Commissione Rifiuti, alle ore 17 di lunedì 5 settembre, svolgerà l'audizione della sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, e dell'Assessora alla sostenibilità ambientale di Roma Capitale, Paola Muraro.

      Terremoto

      Bandiere a mezz'asta a Palazzo Madama in segno di lutto per le vittime del sisma che ha colpito diverse località del Centro Italia.

      Ordinamento penitenziario: avvio esame in Aula

      Con la relazione del sen. Cucca, mercoledì 3 agosto, l'Assemblea ha avviato l'esame del ddl n. 2067, recante modifiche al codice penale e al codice di procedura penale per il rafforzamento delle garanzie difensive e la durata ragionevole dei processi nonché all'ordinamento penitenziario per l'effettività rieducativa della pena, già approvato dalla Camera dei deputati.
      Come si legge nel comunicato di seduta: "Il Titolo I reca modifiche al codice penale: il capo I detta norme in materia di estinzione del reato per condotte riparatorie e modifiche di limiti di pena per i delitti di scambio elettorale politico-mafioso, furto e rapina; il capo II si riferisce alla prescrizione, il capo III reca una delega al Governo per la riforma del regime di procedibilità per taluni reati, per il riordino di alcuni settori del codice penale e per la revisione della disciplina del casellario giudiziale. Il Titolo II reca modifiche al codice di procedura penale: il capo I prevede modifiche in materia di incapacità dell'imputato di partecipare al processo, di indagini preliminari e di archiviazione; il capo II prevede modifiche in materia di riti speciali, udienza preliminare, istruzione dibattimentale e struttura della sentenza di merito; il capo III riguarda la semplificazione delle impugnazioni. Il Titolo III reca modifiche alle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale e alla normativa di organizzazione dell'ufficio del pubblico ministero. Il Titolo IV, all'articolo 29, conferisce una delega al Governo per la riforma del processo penale e dell'ordinamento penitenziario. L'articolo 30 riguarda le intercettazioni. Il Titolo V reca disposizioni finali (clausola di invarianza finanziaria ed entrata in vigore)".

      Disciplina cinema, audiovisivo e spettacolo: avviato esame in Assemblea

      Mercoledì 3 agosto, è iniziato l'esame del ddl n. 2287 e connessi, sulla disciplina del cinema, dell'audiovisivo e dello spettacolo.
      Come si legge nel comunicato di seduta, la relatrice, sen. Di Giorgi, illustrando i contenuti del testo proposto dalla Commissione, ha segnalato, al capo II, il riconoscimento degli organismi regionali film commission; l'inserimento, tra le funzioni statali, della promozione di programmi di educazione all'immagine nelle scuole; l'approvazione dell'articolo 9-bis, che istituisce il Consiglio superiore del cinema e dell'audiovisivo. Il capo III, comprendente gli articoli da 10 a 25, è la parte più corposa del provvedimento: introduce sei modalità di credito d'imposta con percentuali variabili dal 15 al 40 per cento; detta una nuova disciplina sull'erogazione di contributi automatici e di contributi selettivi alle opere di qualità e di giovani autori; istituisce il Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e nell'audiovisivo, alimentato, in misura non inferiore a 400 milioni di euro annui, da una quota parte degli introiti erariali derivanti da attività svolte dalla filiera produttiva. Il tre per cento del Fondo sarà destinato alla formazione audiovisiva nelle scuole. Il capo IV prevede un piano straordinario per il potenziamento delle sale cinematografiche e un piano straordinario per la digitalizzazione del patrimonio cinematografico e audiovisivo. La Commissione ha introdotto l'articolo 27-bis che istituisce una sezione speciale per l'audiovisivo nel Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Il capo V, concernente la riforma e la razionalizzazione della normativa vigente, istituisce il Registro pubblico delle opere cinematografiche, e conferisce deleghe al Governo per la tutela dei minori nel settore e per la promozione di opere italiane ed europee; la Commissione ha introdotto una delega per la riforma dei rapporti di lavoro. Al capo IV, riguardante controlli e sanzioni, la Commissione ha stralciato la delega per il codice dello spettacolo.

      Dossier di documentazione »

      Editoria: esame in Assemblea

      Nella seduta di mercoledì 3 agosto, con la relazione del sen. Cociancich, è stato avviato l'esame del ddl n. 2271, approvato dalla Camera dei deputati, e connessi, in materia di editoria.
      Il relatore - come si legge nel comunicato della seduta - ha riferito sul contenuto del provvedimento. L'articolo 1 istituisce il Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione, alimentato da risorse statali destinate all'editoria, da un contributo di solidarietà a carico delle imprese di raccolta della pubblicità e, per una quota parte, dalle maggiori entrate del canone RAI. L'articolo 2 conferisce deleghe al Governo per la ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria, della disciplina di profili pensionistici dei giornalisti e della composizione e competenze del Consiglio nazionale dell'ordine dei giornalisti. L'articolo 3 detta disposizioni per il riordino dei contributi alle imprese editrici; l'articolo 6 detta nuove disposizioni per la vendita dei giornali.

      Dossier di documentazione »

      Stato di salute dello sport: audizioni informali in 7a Commissione

      In merito all'Affare assegnato n. 715, sullo stato di salute dello sport, l'Ufficio di Presidenza della Commissione Istruzione, giovedì 8 settembre alle ore 14, ha in programma l'audizione di rappresentanti della Lega nazionale professionisti Serie B e della Lega pro calcio.

      Audizione in Commissione Vigilanza Rai

      In Commissione Vigilanza Rai, mercoledì 7 settembre, alle ore 14, si svolgerà l'audizione della Presidente e del Consiglio di amministrazione della Rai.

      Attuazione e modifica nuova disciplina contratti pubblici: audizioni in Commissioni congiunte 8a Senato e VIII Camera

      Nell'ambito dell'indagine conoscitiva sullo stato di attuazione e sulle ipotesi di modifica della nuova disciplina sui contratti pubblici, le Commissioni congiunte Lavori pubblici del Senato e Ambiente della Camera, mercoledì 7 settembre dalle ore 15, svolgeranno le audizioni di rappresentanti della Consip e di rappresentanti dell'ANCE.

Informazioni aggiuntive

FINE PAGINA

vai a inizio pagina